Canzoni popolari milanesi

I  Testi delle Canzoni Popolari Milanesi ... Chi non ha mai canticchiato una delle famose canzoni popolari milanesi?
Iniziamo dalla piu' famosa per scoprire poi altre perle milanesi.

 

TESTI

O mia bella Madunina

A disen: "La canzon la nass a Napoli",
e certament gh’hann minga tutt i tòrt,
Surriento, Margellina, tutt i pòpoli
i avrann cantaa almen on milion de vòlt.
Mi speri che se offendarà nissun
se parlom on ciccin anca de numm.

O mia bella Madonnina, che te brillet de lontan
tutta dòra e piscinina, Ti te dòminet Milan
sòtta Ti se viv la vita, se sta mai coj man in man.
Canten tucc: "Lontan de Napoli se moeur",
ma poeu vegnen chi a Milan!

Adess gh’è la canzon de Ròma magica
de Nina, el Cupolone, el Rugantin.
Se sbatten in del Tever: "Ròma tragica!"
Esageren, me par, on ciccinin...
Sperem che vegna minga la mania
de mettess a cantà: "Malano mia!"...

O mia bella Madonnina ...
Sì, vegnì senza paura,
numm ve slongarem la man:
tutt el mond l’è on gran paes
- e semm d’accord! -
ma Milan l’è on gran Milan!

Andava a Rogoredo

Quest ca sunt dré a cuntavv, l’è ’na storia vera,
de vun che l’è mai stà bún de dì de no;
I s’era conossu visin a la Breda;
lì l’era d’ Ruguréd e lu... su no!
Un dì lu l’avea menada a veder la Fiera,
la gh’eva un vestidin color del trasú;
disse: "vorrei un krapfen... non ho moneta"
"Pronti!" El gh’ha dà dés chili... e l’ha vista pu!
Andava a Rogoredo, cercava i suoi danée;
girava per Rogoredo e vosava come un strascée:
"No, no, no no, non mi lasciar,
No, no, no no, non mi lasciar,
mai, mai, mai!"
Triste è un mattin d’Aprile senza l’amore!
I gh’era vegnu anca in ment d’andà a ’negass
là dove el Navili l’è pussé negher,
dove i barcún i poeden no ’rivà...
E l’era bel fermott de giamò un quart d’ura,
e l’era passà anca el temp d’andà a timbrà:
"...mi credi che ’massàmm, ghe poeuss pensar sura;
’dess voo a tò i mè dés chili... poi si vedrà!"
Andava a Rogoredo, cercava i suoi danée;
girava per Rogoredo e vosava come un strascée:
"No, no, no no, non mi lasciar,
No, no, no no, non mi lasciar,
mai, mai, mai!"

Camerée porta ’n mezz liter

Camerée porta ’n mezz liter
camerée porta ’n mezz liter
camerée porta ’n mezz liter,
pagherò, pagherò, pagherò.

Gira la baracca, gira, gira,
foeura mezza lira, fuori mezza lira,
gira la baracca, gira, gira,
foeura mezza lira per pagar.

Come farò patapin, patapon,
se non ce n’ho, patapin, patapon,
Al mio ritorno, al mio ritorno...
Come farò patapin, patapon
se non ce n’ho, patapin, patapon
Al mio ritorno ti pagherò, pagherò.

Se l’è on liter mej ammò
se l’è on liter mej ammò
se l’è on liter mej ammò
pagherò, pagherò, pagherò.

Gira la baracca, gira, gira,
foeura mezza lira, fuori mezza lira,
gira la baracca, gira, gira,
foeura mezza lira per pagar.

Cara mamma
Cara mamma te canti stasera i paroll che t'hoo forsi mai dii;
l'era on pezz che vorevi inventala `na canzon fada apposta per ti.

Hoo cantaa per Milan tanti stori de tosann, de navili e barbon,
me mancava canzon per la mamma "dess la canti e ti scolta in di stell".

Paròll che t'hoo mai dii ti e disi adess
e ciama anca el papà, ciappel per man,
settada in d'on canton del paradis
dai, scolta la canzon ch'hoo faa per ti.

Se fòrsi t'hoo faa piang de dispiesè
Te mandi cent basitt per ciamatt perdon
e te sughi ona lacrima in faccia con di alter basitt e carezz
poeu te stringi compagn d'ona vòlta quand fasevi tròpp tardi la nott.

Chissà mai che on bell dì su per ari mi e ti co'l papà podaremm
andà a spass su ona nivola ròsa e sognà su in del ciel pien de stell.

Voraria vegnitt an'mò in scòssa per scoltà di bèi stòri e dormì
poeu insognass de la fata turchina che per mi l'era bella `me ti.

Paròll che t'hoo mai dii ti e disi adess
per fatt capì el ben che t'hoo vorsuu.

Se poeu di vòlt te me sentisset nò
me tacchi a on ragg de Luna e vègni su.

Dai, cara mamma, su brontola on poo
Per dimm che son patii,
perchè fumi tròpp,
voraria sentì che te voset,
te barbòttet perché mi stò in gir
e perché foo tròpp tardi la sera,
ma te taset, te diset pù nient.

Chissà mai che on bell dì su per ari mi e ti co'l papà podaremm
Andà a spass su ona nivola rosa e sognà su in del ciel pien de stell.

Canzone di Marco Candiani su musiche di Claudio Merli

Còssa l'ha mangiàa la sposa la prima sira?
Còssa l'ha mangiàa la sposa la prima sira?
meso poviönsì
Còssa l'ha mangiàa la sposa la seconda sira?
due tortorí e meso pövionsí
Còssa l'ha mangiàa la sposa la terza sira?
tre colombe la violèta
due tortorí e meso pövionsi
Còssa l'ha mangiàa la sposa la quarta sira?
quatro agnoli tre colombe la violèta
due tortorí e meso pövionsì
Còssa l'ha mangiàa la sposa la quinta sira?
cinque foglie la rosa in mano
quatro agnoli tre colombe la violèta
due tortorí e meso pövionsí
Còssa l'ha mangiàa la sposa la sesta sira?
sei bei pesci a sanguaní
cinque foglie la rosa in mano
quatro agnoli tre colombe la violèta
due tortorí e meso pövionsí
Còssa l'ha mangiàa la sposa la settima sira?
sette anguille preparate
sei bei pesci a sanguaní
cinque foglie la rosa in mano
quatro agnoli tre colombe la violèta
due tortorì e meso pövionsì
Còssa l'ha mangiàa la sposa l'otava sira?
otto galli cantatori sette anguille preparate
sei bei pesci a sanguaní
cinque foglie la rosa in mano
quatro agnoli tre colombe la violèta
due tortorí e meso pövionsí
Còssa l'ha mangiàa la sposa la nonia sira?
nove vacche ammazzatori
otto galli cantatori sette anguille preparate
sei bei pesci a sanguaní
cinque foglie la rosa in mano
quatro agnoli tre colombe la violèta
due tortorí e meso pövionsí
Còssa l'ha mangiàa la sposa la decima sira?
dieci scatole de confecc per tirala in mes al lèc
nove vacche ammazzatori
otto galli cantatori sette anguille preparate
sei bei pesci a sanguaní
cinque foglie la rosa in mano
quatro agnoli tre colombe la violèta
due tortorí e meso povionsí
E mi la donna bionda

E mi la donna bionda la vori no.
E mi la donna bionda la vôri no.
tutti i omen ghe fan la ronda
e mi la donna bionda,
e mi la donna bionda,
tutti i omen ghe fan la ronda
e mi la donna bionda la vôri no.

E mi la donna nera la voeuri no
E mi la donna nera la vôri no.
dònna nera non è sincera
e mi la donna nera e mi la donna nera
dònna nera non è sincera
e mi la donna nera la voeuri no.

E mi la donna mora la vôri no.
E mi la donna mora la vôri no.
donna mora l’è traditora
e mi la donna mora
e mi la donna mora
donna mora l’è traditora
e mi la donna mora la vôri no.

E mi la donna rossa la vôri no
E mi la donna rossa la vôri no
se te tuca te da la scossa
e mi la donna rossa
e mi la donna rossa
se te tuca te da la scossa
e mi la donna rossa la vôri no.

E mi la donna granda la vôri no
E mi la donna granda la vôri no
la camina la par ’na stanga
e mi la donna granda
e mi la donna granda
la camina la par ’na stanga
e mi la donna granda la vôri no.

E mi la donna riccia la vôri no.
E mi la donna riccia la vôri no.
suta ai ricci la ga i capricci,
e mi la donna riccia
e mi la donna riccia
suta ai ricci la ga i capricci
e mi la donna riccia la vôri no.

E mi la donna picula la vôri no
E mi la donna picula la vôri no
la camina la par ’na chichera
e mi la donna picula
e mi la donna picula
la camina la par ’na chichera
e mi la donna picula la vôri no.

E mi la donna grassa la vôri no.
E mi la donna grassa la vôri no.
tutta quanta la te sconquassa,
e mi la donna grassa
e mi la donna grassa
tutta quanta la te sconquassa
e mi la donna grassa la vôri no.

E mi la donna seca la vôri no.
E mi la donna seca la vôri no.
e la pesa com’è na bisteca
e mi la donna seca
e la pesa com’è na bisteca
e la pesa com’è na bisteca
e mi la donna secca la vôri no.

E mi la donna bella la vôri sì.
E mi la donna bella la vôri sì.
la ga i oci che par na stella,
e mi la donna bella
e mi la donna bella
la gh’ha i oci che par na stella,
e mi la donna bella la vôri sì.

Dim e didom e didom e didera

Dim e didom e didom e didera
Dim e didom e didom e didera
dim e didom e didom e didera
dim e didom e didom e didera
dim e didom e didom e didà

biri biri biri biri biri biri biri baj.

Sono il campanaro e da mattina a sera
tiro le campane e faccio din don.
Io sono il chierico rispondo alla preghiera
sempre son pronto al kyrieleison.
Vedete in me il parroco del villaggio
chi ti confesso? non faccio eccezion
Entrano le vergini raddoppio di coraggio
batto e ribatto sull’argomentazion.

Entrano le vergini raddoppio di coraggio
batto e ribatto sull’argomentazion.

Dim e didom e didom e didera
dim e didom e didom e didera
dim e didom e didom e didera
dim e didom e didom e didà

biri biri biri biri biri biri biri baj

Guardo dall’alto del campanile mio
mi par d’udire un forte russar.
Ohèj taci compagno sarà forse Dio
che s’è dimenticato di farsi svegliar.
Ma che dite mai o peccator di Dio
non conoscete voi l’onnipotenza che ha.
Non mangia mai non beve che so io
come vive lui nessuno lo sa.

Non mangia mai non beve che so io
come vive lui nessuno lo sa.

Dim e didom e didom e didera
dim e didom e didom e didera
dim e didom e didom e didera
dim e didom e didom e didà

biri biri biri biri biri biri biri baj

Guardo dall’alto cerco dove sia
quel paradiso desiderato assai.
Tra i cristi rotti ma della sacrestia
invan io cerco, macchè non trovo mai.
Il paradiso per me l’è in su la terra
e una volta morto piú non gioirò.
Lascià che i fanatici si facciano la guerra
viva il buon vino e Dio che lo creò.

Lascia che i fanatici si facciano la guerra
viva il buon vino e Dio che lo creò.

Dim e didom e didom e didera
dim e didom e didom e didera
dim e didom e didom e didera
dim e didom e didom e didà

biri biri biri biri biri biri biri baj

Quando m’immergo su quel punto nero
invan io cerco la sua realtà.
Oh sai tu dirmi qual è mai quel mistero
che di tre persone forma quest’unità.
Questo per noi è un enigma totale
tutti lo studiano e non lo san capire.
Per conto mio non me la passo male
lascio a voialtri l’onore di scoprir.

Per conto mio mi prudono le palle
lascio a voialtri l’onore di grattar.

Dim e didom e didom e didera
dim e didom e didom e didera
dim e didom e didom e didera
dim e didom e didom e didà

biri bìri biri biri biri biri biri baj

Ho visto un re

Dai dai, conta su...ah be, sì be....
- Ho visto un re.
- Sa l’ha vist cus’e`?
- Ha visto un re!
- Ah, beh; si`, beh.
- Un re che piangeva seduto sulla sella
piangeva tante lacrime, ma tante che
bagnava anche il cavallo!
- Povero re!
- E povero anche il cavallo!
- Ah, beh; si`, beh.
- è l’imperatore che gli ha portato via
un bel castello...
- Ohi che baloss!
- ...di trentadue che lui ne ha.
- Povero re!
- E povero anche il cavallo!
- Ah, beh; sì, beh.
- Ho visto un vesc...
- Sa l’ha vist cus’e`?
- Ha visto un vescovo!
- Ah, beh; si`, beh.
- Anche lui, lui, piangeva, faceva
un gran baccano, mordeva anche una mano.
- La mano di chi?
- La mano del sacrestano!
- Povero vescovo!
- E povero anche il sacrista!
- Ah, beh; si`, beh.
- e` il cardinale che gli ha portato via
un’abbazia...
- Oh poer crist!
- ...di trentadue che lui ce ne ha.
- Povero vescovo!
- E povero anche il sacrista!
- Ah, beh; si`, beh.
- Ho visto un ric...
- Sa l’ha vist cus’e`?
- Ha visto un ricco! Un sciur!
- S’...Ah, beh; si`, beh.
- Il tapino lacrimava su un calice di vino
ed ogni go, ed ogni goccia andava...
- Deren’t al vin?
- Si`, che tutto l’annacquava!
- Pover tapin!
- E povero anche il vin!
- Ah, beh; si`, beh.
- Il vescovo, il re, l’imperatore
l’han mezzo rovinato
gli han portato via
tre case e un caseggiato
di trentadue che lui ce ne ha.
- Pover tapin!
- E povero anche il vin!
- Ah, beh; si`, beh.
- Ho vist un villan.
- Sa l’ha vist cus’e`?
- Un contadino!
- Ah, beh; si`, beh.
- Il vescovo, il re, il ricco, l’imperatore,
persino il cardinale, l’han mezzo rovinato
gli han portato via:
la casa
il cascinale
la mucca
il violino
la scatola di kaki
la radio a transistor
i dischi di Little Tony
la moglie!
- E po`, cus’e`?
- Un figlio militare
gli hanno ammazzato anche il maiale...
- Pover purscel!
- Nel senso del maiale...
- Ah, beh; si`, beh.
- Ma lui no, lui non piangeva, anzi: ridacchiava!
Ah! Ah! Ah!
- Ma sa l’e`, matt?
- No!
- Il fatto e` che noi villan...
Noi villan...
E sempre allegri bisogna stare
che il nostro piangere fa male al re
fa male al ricco e al cardinale
diventan tristi se noi piangiam,
e sempre allegri bisogna stare
che il nostro piangere fa male al re
fa male al ricco e al cardinale
diventan tristi se noi piangiam!

 

La bella la va al fosso

La bella la va al fosso,
ravanei remulass barbabietole spinass
tré palanche al mass.
La bella la va al fosso, al fosso a resentar, ohei,
al fosso a resentar

Nel bel che la resenta,
ravanei remulass barbabietole spinass
tré palanche al mass.
nel bel che la resenta, ghe borla giò l’anel, ohei,
ghe borla giò l’anel.

Alzando gli occhi al cielo,
ravanei remulass barbabietole spinass
tré palanche al mass.
alzando gli occhi al cielo, la vede il ciel seren, ohei,
la vede il ciel seren.

L’abbassa gli occhi al mare,
ravanei remulass barbabietole spinass
tré palanche al mass.
l’abbassa gli occhi al mare, e vede un pescator, ohei,
e vede un pescator.

O pescator che peschi,
ravanei remulass barbabietole spinass
tré palanche al mass.
o pescator che peschi, deh pescami l’anel, ohei,
deh pescami l’anel.

Ma sì che te lo pesco,
ravanei remulass barbabietole spinass
tré palanche al mass.
ma sì che te lo pesco, per ùn basin d’amor, ohei,
per un basin d’amor.

Se ci vedran le stelle,
ravanei remulass barbabietole spinass
tré palanche al mass.
se ci vedran le stelle, le stelle non san parlar, ohei,
le stelle non san parlar.

Se ci vedrà la luna,
ravanei remulass barbabietole spinass
tré palanche al mass.
se ci vedrà la luna, la luna non sa spiar, ohei,
la luna non sa spiar.

Se ci vedrà il buon Dio,
ravanei remulass barbabietole spinass
tré palanche al mass.
se ci vedrà il buon Dio, il buon Dio sa perdonar, ohei,
il buon Dio sa perdonar.

Nel bel che se basavan,
ravanei remulass barbabietole spinass
tré palanche al mass.
nel bel che se basavan, ghe salta for so pà, ohei,
ghe salta for so pà.

Papà, papà perdono,
ravanei remulass barbabietole spinass
tré palanche al mass.
papà, papà perdono, non lo farò mai plù, ohei,
non lo farò mai plù.

La storia l’è finita,
ravanei remulass barbabietole spinass
tré palanche al mass.
la storia l’è finita, con un basin d’amor, ohei,
con un basin d’amor.

L’uselin della comare

L’uselin dela comare...
è volato sulla testa...
l’uselin faseva festa...

E UN PO’ PIU’ GIU’ VOLEA VOLARE
L’USELIN DELA COMARE
E UN PO’ PIU’ GIU’ VOLEA VOLARE
L’USELIN DELA COMARE

L’uselin dela comare...
è volato sulle spale...
l’uselin sbatea le ale...

E UN PO’ PIU’ GIU’ VOLEA VOLARE
L’USELIN DELA COMARE
E UN PO’ PIU’ GIU’ VOLEA VOLARE
L’USELIN DELA COMARE

L’uselin dela comare...
è volato sule tette...
l’uselin sbatea le alette...

E UN PO’ PIU’ GIU’ VOLEA VOLARE
L’USELIN DELA COMARE
E UN PO’ PIU’ GIU’ VOLEA VOLARE
L’USELIN DELA COMARE

l’uselin dela comare...
è volato sui genocci...
l’uselin sbatea gli occi...

E UN PO’ PIU’ SU’ VOLEA VOLARE
L’USELIN DELA COMARE
E UN PO’ PIU’ SU’ VOLEA VOLARE
L’USELIN DELA COMARE

l’uselin dela comare...
è volato sula mona...
e che sia la volta buona!

E PROPRIO LI’ VOLEA VOLARE
L’USELIN DELA COMARE
E PROPRIO LI’ VOLEA VOLARE
L’USELIN DELA COMARE

Piva, piva Piva, piva
l'oli d'oliva
piva, piva
l'oli d'olà.

Piva, piva
l'oli d'oliva
l'oli fresch
de vong el gozz.

L'è 'l Bambin
che porta i belèe,
l'è la mamamma
che spend i danèn.

Fa la nanna,
bel Babin
Re divin,
Re divin.

Porta Romana bella
Porta Romana bella Porta Romana
Ci stan le ragazzine che te la danno
Ci stan le ragazzine che te la danno
Prima la buona sera e poi la mano.

E gettami giù la giacca ed il coltello
Che voglio vendicare il mio fratello
Che voglio vendicare il mio fratello
E gettami giù la giacca ed il coltello.

La via San Vittore l’è tutta a sassi
L’ho fatta l’altra sera a pugni e schiaffi
L’ho fatta l’altra sera a pugni e schiaffi
La via San Vittore l’è tutta a sassi.

La via dei Filangeri l’è un gran serraglio
La bestia più feroce l’è il commissario
La bestia più feroce l’è il commissario
La via dei Filangeri l’è un gran serraglio.

In via dei Filangeri gh’è ‘na campana
‘gni vòlta che la sòna l’è ona condanna
‘gni vòlta che la sòna l’è ona condanna
In via dei Filangeri gh’è ‘na campana.

Prima faceva il ladro e poi la spia
E adesso è delegato di polizia
Prima faceva il ladro e poi la spia
E adesso è delegato di polizia.

E sette e sette e sette fanno ventuno
Arriva la volante e non c’è nessuno
Arriva la volante e non c’è nessuno
E sette e sette e sette fanno ventuno.

O luna che rischiari le quattro mura
Rischiara la mia cella ch’è tanto scura
Rischiara la mia cella ch’è tetra e nera
La gioventù più bella morì in galera.

O luna luna luna che fai la spia
Bacia la donna d’altri ma non la mia
Amore amore amore, amore un corno
Di giorno mangio e bevo, di notte dormo.

Ci sono tre parole in fondo al cuore
La gioventù, la mamma e il primo amore
La gioventù la passa, la mamma muore
Te restet come on pirla col primo amore.

Porta Romana bella Porta Romana
Ci stan le ragazzine che te la danno
Ci stan le ragazzine che te la danno
Prima la buona sera e poi la mano.

Spazzacamino

Su e giù per le contrade
Di qua e di là si sente
‘na voce allegramente
‘riva el spazzacamin !
Su e giù per le contrade
Di qua e di là si sente
‘na voce allegramente
‘riva el spazzacamin !

S’affaccia a la finestra
La bella signorina
Con voce graziosina
Ciama el spazzacamin
S’affaccia a la finestra
La bella signorina
Con voce graziosina
Ciama el spazzacamin

Prima lo fa entrare
E poi lo fa sedere
Gli dà mangiare e bere
Per poi spazzà el camin
Prima lo fa entrare
E poi lo fa sedere
Gli dà mangiare e bere
Per poi spazzà el camin

E dopo aver mangiato
Mangiato e ben bevuto
Gli fa vedere il buco
Il buco del camin
E dopo aver mangiato
Mangiato e ben bevuto
Gli fa vedere il buco
Il buco del camin

E quel che mi rincresce
O caro giovinetto
Che il mio camin l’è stretto
Com’ el farà a passar ?
E quel che mi rincresce
O caro giovinetto
Che il mio camin l’è stretto
Com’ el farà a passar ?

Non dubitar signora
Son vecchio del mestiere
So fare il mio dovere
Su e giù per il camin
Non dubitar signora
Son vecchio del mestiere
So fare il mio dovere
Su e giù per il camin

E dopo quattro mesi
La luna va crescendo
La gente va dicendo
L’è lo spazzacamin
E dopo quattro mesi
La luna va crescendo
La gente va dicendo
L’è lo spazzacamin

E dopo nove mesi
È nato un bel bambino
Che somigliava tutto
A lo spazzacamin
E dopo nove mesi
È nato un bel bambino
Che somigliava tutto
A lo spazzacamin.

El minestron

Chi è che dis ch’el vin el fa mal
l’è tutta gente, l’è tutta gente
chi è che dis ch’el vin el fa mal
l’è tutta gente de l’ospedal.
Io ne ho bevuto tanto
e non mi ha fatto male
l’acqua sí che fa male il vino fa cantar.

Ohèj che la vaga ben, che la vaga mal
siam sul fior de la gìoventú
pensa a la magna e bevi
pensa a la magna e bevi
ohèj che la vaga ben, che la vaga mal
siam sul fior de la gioventú
pensa a la magna e bevi
bevi anche tu!

A porta Romana ier sera pioveva
a porta Cicca ìer sera pioveva
a porta Genova ìer sera pioveva
a porta Volta ier sera pioveva
a porta Garibaldi ier sera pioveva
a porta Venezia ier sera pioveva
a porta Vittoria ier sera pioveva
a porta Magenta ier sera pioveva
a porta Ludovica ier sera pioveva
a porta Noeuva ier sera pioveva
a porta Vigentina ier sera pioveva

Te se ricordet i temp indree
quand che andavom a spazzà i pollee
spazza i pollee robà i gaijnn ora pro nobis!

Sont content de vess al mond
a savè che l’è rotond
alegher alegher
a rampegà in sui veder
in sui veder a pee biòtt
tant i sciori fan nagòtt!

L’altro giorno andando a spasso
in su i riv del Lagh Maggior
respirando l’aria pura
cont i sò graditi odor
m’è vegnúuu l’ispirazion
ma de lassà giò i calzon
o che gioia o che piacere o che cuccagna
cagà in campagna!
O che gioia o che piacere o che cuccagna
cagà in campagna!

Puttost che toeu ona donna
mi toeuvi ona cavretta
ghe foo mangià l’erbètta
ghe foo mangià l’erbètta
puttost che toeu ona donna
mi toeuvi ona cavrètta
ghe foo mangià l’erbètta
ma mí la donna la toeuvi no!
Viva l’amore l’amore l’amor che vien che va
viva l’amore l’amore l’amor che vien che va
viva l’amore che viene e che va
viva l’amore ma chi lo sa far

Piuttost che toeu ona donna
mi toeuvi ona gilera
voo a spass mattina e sera
voo a spass mattina e sera
puttost che toeu ona donna
mi toeuvi ona gilera
voo a spass mattina e sera
ma mi la donna la toeuvi no!
Viva l’amore l’amore l’amor che vien che va
viva l’amore l’amore l’amor che vien che va
viva l’amore che viene e che va
viva l’amore ma chi lo sa far!

Puttost che toeu ona donna
mi toeuvi ona ses’cent
voo in gir ma tutt content
voo in gir ma tutt content
puttost che teou ona donna
mi toeuvi ona ses’cent
voo in gir ma tutt content
però la donna la toeuvi no!
Viva l’amore l’amore l’amor che vien che va
viva l’amore l’amore l’amor che vien che va
viva l’amore che viene e che va
viva l’amore ma chi lo sa far!

Ohi bella se vuoi venire su l’omnibus, su l’omnibus
ohi bella se vuoi venire su l’omnibus con me
Mi no, mi vegni no, mi gh’hoo paura, mi gh’hoo paura
mi no, mi vegni no, mi gh’hoo paura de borlà giò!

A gh’è el prevòst che sta a Precòtt
che quand el caga ne fa on fagòtt.
A ghe n’è on alter a Crescenzagh
che prima la fa e poeu la liga col spagh.
E poeu ghe n’è vun che stà a Cinisell
che prima la fa e poeu ghe leva el cappell.
E poeu ghe n’è ’n alter che stà a Lambraa
che prima de falla el va adree a caragnà.
E poeu. ghe n’è vun che l’è propi ridicol
lù el va a falla dedree di edicol.
A ghe n’è on alter a Villapizzon
ch’el caga, l’ughetta e poeu ’1 fa i panatton!

Se sposii ona donna bella
mamma mia che vespee
tegnii d’oeucc a la padella
che i moscon ghe van adree.

La gh’ha ’na gamba stòrta
e quell’altra siffolina
Serafina, Serafina,
e se te doeur el venter
mett sú la polentina
Serafina, Serafina del mio cuor!

E al lunedì i perrucchee
lor lavoren nò del sò mestee
lor a hinn pagaa anticipaa
bella s’te voeut vegní con mi a ballà
sont diventaa
magher mè on ciod a fà ci soldaa!

Se l’è vera che te me voeuret ben cara Ninin biribimpinpin
vegn giò a derví el portell famm pú penà, parabappappà
se ti te gh’hee l’amor del tò Marcell che l’è inscí bell
vegn giò a derví el portell famm pú penà, parabappappà!

E mi quand foo la barba ai aventor
mi me par de vess a fà l’amor
e calchi giò ci rasoo a pú non pòss
che i aventor se pissen fin adòss

cara Ninin
te voeuri ben, damm on basin!

Se l’è vera che te me voeuret ben cara Ninin biribimpinpin
vegn giò a el portell famm pú penà, parabappappà!
se ti te gh’hee l’amor del tò Marcèll che l’è inscí bell
vegn giò a derví el portell famm pú penà, parabappappà!

A mezzanotte in punto
gh’è scur, gh’è scur
col lanternino in mano
gh’è scur, gh’è scur
l’è quell che cerca i mocc
l’è quell che cerca i mocc

Leonora ciccom’
Leonora cíccom
Leonora... ciccom!!!
Sí sí nun ciccaremm, nun ciccaremm tucc insemma
sí sí nun ciccaremm, nun ciccaremm tucc insemma
coi mocc! coi mocc! coi mocc e’l lanternin!

Sont passàaa de la cà di ball negher
gh’era la lumm, gh’era la lumm
ont passaa de la cà di ball negher
gh’era la lumm con foeura ci fumm!

Angiòla pissa in la tòlla
pissa in del lett, perebeppeppett oh oh
Angiòla faccia de tòlla
m’hai rovinato la canna del formenton!

Ohi vita, ohi vita mia ohi core ’e chisto core
si’ stato ’o primm’ammore
e o primm’ e l’urtemo sarrai pe ’mme
Oh vita, ohi vita stracca
sont stuffa de fà la vacca
ohi mondo, ohi mondo boia
de fà la troia mi me senti pú!!

El Barbapedana

Barbapedana el gh’aveva on gilè
senza el denanz e cont via el dedree,
Cont i sacòcc longh ona spanna,
l’era el gilè del Barbapedana…

Barbapedanna el gh’aveva on s’cioppett
Per sparà contrà i solda de Maomett
E ‘sto s’ciopett longh ona spanna
L’era el s’cioppett del Barbapedanna.

E da Bersaglier che l’era
El sparava voletela
El sparava ‘l s’cioppettin
Contra i trupp di Beduin.

El Barbon di navili

Ona nòtt per amor disperaa
su la ripa de pòrta Cines
con la nebbia l'era el post ideal
per mazzam e levam on gran pes.
Scarsa la lus, on silenzi mortal,
me pòrti giò a duu pass dal canal,
sari su i oeugg, me foo el segn de la cros
ma dal Navili ven su ona vôs:

«Ohei vigliacch, guardom mì
hinn des ann che son chì
sòtta i pont senza on lett né ona cà
per i dònn gh'hoo pù nient, vivi de carità,
ma l'è mej fa el barbon che crepà.
D'ona ròbba son sicur, te le dis on amis
Chi se coppa `l va nò in Paradis.
Damm a traa, va a dormì,
te set gioin per morì
fa nò `l stupid e regordes de mì»

Senza nanca rispond scappi via
cont on frecc in di òss... stavi mal,
ma el ciarin d'ona veggia osteria
de lontan el pareva ciamamm
me infili denter ancamò agità
bevi on grappin e ricominci a fiadà
l'ambient l'era pien..a gh'era gent d'ogni età
vun che sonava e tucc a cantà.

Mi so nò chi l'è staa, ma me son trovaa là
Dòpo on poo insemma a lor a brindà;
l'è staa inscì che hoo capii quell che `l vegg el m'ha dii
in la vita se dev anca soffrì…
quest'amara realtà la m'ha faa medità:
dal barbon di navili son tornaa,
gh'hoo portà de mangià, dopo avell ringraziaa
e commòss l'hoo basaa.
di Mimmo Dimiccoli, cantata da Umberto Simoncini, premio D'Anzi 1975-76
El moletin
Mè pader fa el moletta
E mi foo el molettin,
quand sarà mort mè pader
faroo el moletta mì,
e zom e zom e zom
e zom e zom e zom e zì
quand sarà mort mè pader
faroo el moletta mì.

Mè pader ciappa i zvanzigh
E mi ciappi i quattrin,
quand sarà mort mè pader
faroo el moletta mì
e zom e zom e zom
e zom e zom e zom e zì
quand sarà mort mè pader
faroo el moletta mì.

 

El purtava i scarp de tennis
he scusè, ma mi vori cuntav
d’un me amis che l’era anda a fàl bagn
sul stradun, per andare all’idroscalo
l’era lì, e l’amore lo colpì.
El purtava i scarp de tennis, el parlava de per lu
rincorreva già da tempo un bel sogno d’amore.
El purtava i scarp de tennis, el g’aveva du occ de bun
l’era il prim a mena via, perchè l’era un barbun.
Un bel dì, che l’era drè a parlà
de per lu, l’aveva vista passà
bianca e rossa, che pareva il tricolore
ma po lu, l’è sta bon pù de parlà.
El purtava i scarp de tennis, el parlava de per lu
rincorreva già da tempo un bel sogno d’amore.
El purtava i scarp de tennis, el g’aveva du occ de bun
l’era il prim a mena via, perchè l’era un barbon.
(parlato)Un bel di a chèl pover diavul che riva na machina, ven giù vun e
domanda: "Ohè!" "Chi a mi?" "Sì, a lu, savaria, savaria no per piaseè la
strada per andare all’aeroporto Forlanini?" "No, signore non sono mai stato io
all’aeroporto Forlanini,non lo so in due l’è." "La strada per andare
all’Idroscalo, almeno, la conosce?" Si, l’Idroscalo al so in dua l’è, al meni
mi all’Idroscalo, vengo su anch’io sulla macchina, è forte questa, è forte la
macchina. "Lasa sta la machina barbon." "No, signore vengo anch’io sulla
macchina, non sono mai stato su una macchina io, Bella questa macchina...Ferma
signore, chèl me lasa, chèl me lasa giu chi che sono arrivato,un piaseè chèl
se ferma chi.
(cantato) Un piaseè, ch’el me lasa giò chi
che anca mi mi go avu il mio grande amore
roba minima, s’intend, s’intend roba da barbon.
El purtava i scarp de tennis, el parlava de per lu
rincorreva già da tempo un bel sogno d’amore.
El purtava i scarp de tennis, el g’aveva du occ de bun
l’era il prim a mena via, perchè l’era un barbon.
L’an trova, sota a un muc de carton
l’an guardà chèl pareva nisun
l’an tuca chèl pareva chèl durmiva
lasa sta che l’è roba de barbon.
El purtava i scarp de tennis, el parlava de per lu
el purtava i scarp de tennis, perchè l’era un barbun,
el purtava i scarp de tennis, el parlava de per lu
el purtava i scarp de tennis, perchè l’era un barbun...
La Marianna

O Dio del ciel che fai fiorir le rose
manda un marito a tutte queste tose
la Marianna la va in campagna
quando il sol tramonterà, tramonterà, tramonterà
chissà quando, chissà quando ritornerà.

Bella è la rosa ma ancor di piú la viola
la mia mogliettina sarà una campagnola
la Marianna la va in campagna
quando il sol tramonterà, tramonterà, tramonterà
chissà quando, chissà quando ritornerà.

O giovanotto se vuoi fare all’amore
lascia le bionde e piglia quelle more
la Marianna la va in campagna
quando il sol tramonterà, tramonterà, tramonterà
chissà quando, chissà quando ritornerà.

Ma brune o bionde facendo all’amore
le ragazzine ti ruberanno il cuore
la Marianna la va in campagna
quando il sol tramonterà, tramonterà, tramonterà
chissà quando, chissà quando ritornerà.

L’amor si fa con tutte le ragazze
ma state attenti a quelle che son pazze
la Marianna la va in campagna
quando il sol tramonterà, tramonterà, tramonterà
chissà quando, chissà quando ritornerà.

I giovinotti al sabet de sira
I giovinòtti al sabet de sira
vann a morosa vann minga a dormí
oh sí vann là in la Teresina
ohi Teresina vègn giò a dervì

dài o Teresina vègn giò a derví
dài o Teresina vègn giò a derví

La vègn dabasso da quello scalone
la par ’na dama che vègn de Turin
la Teresina la và in cantina
mòlla la spina la cava il buon vin

sí la mòlla la spina la cava il buon vin
sí la mòlla la spina la cava il buon vin

E i giovinòtti ghe corren incontra
con la basilia di quatter biccér
dài disbisciamo la prima bottiglia
l’è vetriolo quest chí el voeuri nò

ohèj l’è vetriolo quest chí el voeuri nò
ohèj l’è vetriolo quest chí el voeuri nò

Ghe taccheremo un sasso al collo
la meneremo alla riva del mar
ohimè ohimè oh che dolore
gh’hoo de morí per trii tradioòr

oh gh’hoo de morí per trii traditor
oh gh’hoo de morí per trii traditor.

 

Se gh’han de dí
Se gh’han de dí allora i barbée
che a fa la barba a l’è’l sò mestée
a la mattina, quand lèven sú
ciàppen el pennèl e se I rúsen in del...

poli poli poli pò fa il pollino
qua qua qua qua fa l’ochetta
chicchirichí fa il galletto
e di noi che cosa sarà.

Se gh’han de di i tosanètt
che a fa la fibbia l’è tutt i sò marchètt
a la mattina, quand lèven sú
stringen la fibbia e slarghen el...

poli poli poli pò fa il pollino
qua qua qua qua fa l’ochetta
chicchirichí fa il galletto
e di noi che cosa sarà.

Se gh’hann de dí i prestinée
che a fà i michett a l’è’l sò mestée
a la mattina, quand lèven sú
ciappen i bastón e se i mètten in del...

poli poli poli pò fa il pollino
qua qua qua qua fa l’ochetta
chicchirichí fa il galletto
e di noi che cosa sarà.

Se gh’hán de dí i verdurée
che a lavà i tomàtes a l’è’l sò mestée
a la mattina, quand lèven sú
ciàppen on’inguria e se la rúsen in del...

poli poli poli pò fa il pollino
qua qua qua qua fa l’ochetta
chicchirichí fa il galletto
e di noi che cosa sarà.

Se gh’han de dí i American
che gh’han i razzi che van lontan
a la mattina, quand lèven sú
ciàppen on saturno e se l’ mètten in del...

poli poli poli pò fa il pollino
qua qua qua qua fa l’ochetta
chicchirichí fa il galletto
e di noi che cosa sarà.
Vess milanes
(canzone di Nino Rossi)
Se fa tanto cantà d’amor nel mond,
semper coi stess paroll che gira intorna.
Per minga on dì sentimel rinfaccià,
el me regal l’hoo faa a la mia città.
Vess milanes voeur dì sentì Milan,
sentì i odor de fumm e de carbon
che vegnen su in di sò strad quand in autunn
insemma con la nebbia se meseden.
Voeur dì sentì del vent el borbottà
in di vicol quand el sô l’è anmò indorment.
Vedell a ciappà vita, camminà
e poeu sentill palpità frement.
Amalla inscì me l’è
ardent e capricciosa,
stracolma de rancor
felice, generosa.
Passà con lee i bei nòtt in compagnia,
vedella disperada o in allegria;
cognoss de lee i umor, i atteggiament;
aveghela in del coeur tutt i moment.
Vess milanes voeur dì sentì che questa,
vestida de lavorà o vestida a festa,
tròpp bella per vess minga on poo sgualdrina,
de tutt’i bei città l’è la regina!

Vai alla sezione sul Dialetto Milanese

Ascolta alcune melodie delle canzoni milanesi


Collabora

eventi milano Segnala un Evento
eventi milano Diventa articolista di MilanoFree.it
eventi milano Pubblicità su MilanoFree.it

Follow us on Facebook!

Seguici su Facebook