Proverbi milanesi

I proverbi in dialetto milanese, il sapere dei nostri avi!
Una raccolta di proverbi milanesi, la saggezza popolare espressa in un motto.

A chi mescia l'acqua al vin, fagh bev l'acqua giò nel tin A chi mescola l'acqua al vino, fa bere l'acqua nel tino
Chi volta el cùu a Milan, il volta al pan Chi volta il sedere a Milano, lo gira al pane
A Santa Caterina mena la vaca a la casina A Santa Caterina, le vacche tornano dal pascolo alla cascina
Nà lavàda, nà sùgàda, la par n'anca duperàda Una lavata, un'asciugata, non sembra neanche usata
M’hann faa sù!

Il detto originale milanese è: "m’hann faa sù a remissell".
Si dice di chi è stato fregato o si è venuto a trovare in una situazione senza uscita

Padrun cumanda, caval el trota Il padrone comanda, il cavallo trotta
O te mangiet la minestra o te saltet dala finestra O mangi la minestra o salti dalla finestra
A Milan, anca i moron fann l’uga A  Milano, anche i gelsi fanno l’uva.
Significa che Milano è città capace di ricavare frutto da tutto, anche dai gelsi, grazie al lavoro e alle capacità dei milanesi.
Batt i pagn, cumpar la stria Mentre si parla di una persona, arriva proprio l’interessato

A pensà mal se fà maal, ma se sbaglia mai

A pensare male si fa male, ma non si sbaglia mai
Al dulur da co’ al voeur al mangià, al dulur da ventar al voeur cagà Per il mal di testa bisogna mangiare, per il mal di pancia bisogna andare al bagno
Anca al pegiur di ladrun al ga la sua devusiun Anche il peggiore dei ladroni ha la sua devozione
Se mia nona la gheva i ball saria sta me nono Se mia nonna aveva le palle sarebbe stata mia nonno
Quaant se gh’a fam, la puleenta la paar salama Quando si ha fame la polenta sembra salame
Fà san Michee Fare San Michele. La festa di san Michele Arcangelo ricorre il 29 Settembre e nei tempi passati coincideva con la tradizionale scadenza dei contratti di affitto delle case di Milano. Molti quindi il 29 Settembre, scaduto un contratto, lasciavao l’alloggio per trasferirsi in un altro.
Fà san Michee, in senso figurato significa quindi traslocare.
La pisa senza pet l'è cumè un viulin senza l'archet

 

Una pisciata senza un peto è come un violino senza l'archetto

Zucch e melon a la sua stagion Zucca e melone alla loro stagione
Milanes se piscia vun pissa des I milanesi se piscia uno pisciano in dieci
Chi ghe l’ha d’òra, chi ghe l’ha d’argent e chi ghe l’ha che var nient C'e' chi ce l'ha d'oro, chi d'argento e chi ce l'ha che non vale niente
La bocca l'è minga stracca se la sa nò prima de vacca
La bocca non è stanca finchè non sà di vacca (con vacca si intendono i derivati, cioè che il pranzo non è soddisfacente, se non comprende anche il formaggio)
Miée che sècca? ... marì che pècca!
Un detto che ironizza sul fatto che quando una moglie diventa troppo brontolona e intollerante finisce con allontanare da sè il marito e con l’invitarlo, involontariamente, a cercare altrove quella pace che gli è negata in casa.


 

Vedi anche i Detti Milanesi
Vai alla sezione sul Dialetto Milanese


Seguici su Facebook