Marvin Gaye : What's going on

MARVIN GAYE : WHAT’S GOING ON, 1971

marvin gayeNel 1971 Marvin Gaye aveva 32 anni, un passato dedicato a offrir la voce più sensuale e innamorata al meglio del repertorio soul R&B ed un futuro promesso alla sua leggenda fra il popolo nero, grazie al carisma della persona, quell’aura di sensualità, carnalità e trasporto verso quello che gli yankees chiamano “climax”, il culmine delle proprie emozioni spirituali e sessuali.

Marvin questo voleva con i suoi dischi: creare quel climax, farci liberare quei cinque sensi che troppo spesso rimangono imprigionati nella nostra fredda materialità. Per questo l’ascolto completo di un suo disco, e “What’s going on” ne è il punto più alto, rappresenta una strana esperienza, poiché tutte le canzoni sono in realtà escursioni in differenti ambienti sonori partendo da due, tre matrici comuni. Con sofisticate orchestrazioni, ritmiche incalzanti e incursioni nel jazz più arioso, gli episodi si susseguono quasi senza interruzioni, fondendosi uno nell’altro con soffici cambi di velocità e atmosfere. La sensazione è come di ritrovarsi su un tappeto volante, comodi, e trasportati in una sorta di viaggio onirico, a tratti immersi nel sole più caldo, in altri solo sfiorati dai suoi raggi, dal vento, altre volte ancora lasciati a fluttuare in una pacata luce indistinta, ma sempre liberi nel corpo e nella mente. E forse è questo il più grande insegnamento che la musica nera ci offre da sempre, l’importanza della fisicità, del corpo, della manifestazione della nostra natura e sensi, della libertà degli istinti, nel ballo come nel contatto carnale, nell’espressione del nostro spirito come nel rapporto con i “fratelli” che ci sono accanto. Tutta l’opera matura di Marvin Gaye (che inizia proprio con questo disco) questo lo predica, lo invoca come quella luce “La Luce!” che noi bianchi crediamo cosa da invasati, e che è invece la speranza di un giorno migliore che ciascun “fratello” conserva dentro sè. Ma con “What’s going on” Marvin si spinge anche oltre, tentando l’impossibile, ovvero di formare nel popolo nero ed in generale nei più deboli ed emarginati, una coscienza sociale, (What’s going on), la forza di reagire alla povertà e lotta per la sopravvivenza (Inner city blues, Right on, Save the children) al degrado ambientale (Mercy mercy me) e, nello stesso tempo, indicando la strada per arrivarci, facendoci volare, ad occhi chiusi, verso la meta, la “Luce”.

InfraDj

Pin It

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.