Sicurezza a Milano

Sicurezza a Milano: Confesercenti: "Bene l'iniziativa del Comune con i corsi di autodifesa. Ma non basta"

In merito alle iniziative del comune di Milano riguardo al progetto "Milano Sicura" il direttore di Confesercenti, Pietro Rosa Gastaldo dice "L'iniziativa del Comune di Milano di avviare corsi di autodifesa personale va nella direzione di assicurare ai cittadini migliori condizioni di sicurezza, ma non risolve il tema della insicurezza della città di Milano, dei cittadini e delle attività d'impresa".

"Milano è una città insicura e in certi luoghi pericolosa, e tutti i sondaggi fatti da Confesercenti evidenziano questo tema al vertice delle criticità manifestate dalla imprese del commercio e del terziario".

"Intere zone della città, sia centrali che periferiche, in presenza di forti componenti di extra comunitari, sono insicure e gli episodi di violenza, di microcriminalità, accadono con una costanza allarmante. L'Amministrazione Moratti, anche con il diretto impegno del Vice Sindaco De Corato, Assessore alla Sicurezza, ha rafforzato in questi anni le misure di sorveglianza e di prevenzione, ma quest'azione appare ancora insufficiente. Confesercenti, per parte sua ha avviato un'azione per la diffusione di sistemi di vigilanza e videosorveglianza per gli esercizi commerciali e le attività del terziario, azione sostenuta nel 2007 da una contribuzione dell'amministrazione cittadina, che è necessario sia rinnovata anche nel 2008".

"Le misure per la difesa personale - dice Gastaldo - possono essere utili nel contesto di una più decisa azione generale per rendere la città più sicura e non possono costituire da sole la misura di difesa dei cittadini dai fenomeni criminosi. Non è con l'autodifesa che si affronta il tema della lotta alla criminalità e della delinquenza".

La sicurezza a Milano e hinterland è da sempre un grosso problema che và affrontato con tutte le forze a disposizione.

Giovedí 14.02.2008

Copyright © 2006 - 2020 MilanoFree.it, testata registrata Trib. Milano n. 367 del 19/11/2014  IT11086080964