• Home
  • ARTE
  • Scienziate italiane e progetto LHC

Scienziate italiane e progetto LHC

Donne alla guida della piú grande macchina mai costruita dall’Uomo
Ovvero la complessità di LHC in mano alle scienziate italiane

Mostra fotografica itinerante
Ideata e curata da Elisabetta Durante

Inaugurazione Milano: giovedì 12 marzo 2009 ore 18.30
Shenker Culture Club, Via Nirone 2 ang. C. Magenta, Milano

Dopo Torino, si inaugura nella sede Shenker di Milano, da giovedì 12 marzo, la mostra fotografica dedicata alle scienziate italiane impegnate nel grande progetto europeo LHC. La mostra proseguirà fino a fine giugno nelle sedi Shenker  di Roma, Bologna e Firenze.

LHC (Large Hadron Collider) è il più vasto e complesso strumento scientifico che l’umanità  abbia mai avuto a disposizione. La nuova potente macchina acceleratrice di particelle, basata a Ginevra nel grande laboratorio europeo  CERN, riprodurrà lo stato della materia subito dopo il Big Bang.
Da questa impresa senza precedenti, scaturiranno grandi risultati di interesse non solo scientifico, ma anche sociale ed economico.
 
Su LHC sono impegnati migliaia di scienziati di ottanta paesi diversi, tra cui spicca l’Italia, che vi ricopre responsabilità di primo piano: fondamentale è infatti l’apporto scientifico e di know-how dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN) e della Fisica italiana nel suo complesso, ma anche di molte  aziende italiane che si sono distinte per la qualità delle loro forniture nei settori tecnologici più spinti.

La mostra fotografica vuole documentare questa straordinaria sfida ed il contributo offerto da ricercatrici italiane che, con molte altre colleghe, su questo progetto stanno costruendo una carriera di successo.

Ma l’intenzione della mostra è anche quella di comunicare alle nuove generazioni un modello di donna diverso da quello, piuttosto avvilente e tristemente omologante, che domina sui media. La mostra comunica un modello di donna talvolta molto giovane, ma già avviata su un cammino di competizione internazionale e pienamente immersa in quella che sempre più sarà la “società della conoscenza”.

Ideatrice e curatrice della mostra è la giornalista scientifica Elisabetta Durante, che coordina il DISTI (Distretto dell’Informazione Scientifica e Tecnologica), nuova realtà nata per diffondere la cultura e l’informazione scientifica e basata presso il Dipartimento Interateneo di Fisica di Bari.

Preziosa è stata la collaborazione di Mike Struik, ricercatore del CERN di  Ginevra, che ha realizzato la maggior parte degli scatti in laboratori posti a cento metri di profondità e, per ovvie ragioni di sicurezza, completamente inaccessibili agli estranei.

La mostra è patrocinata dal Ministero dell'Istruzione, dell’Università e della Ricerca, dal  CERN di Ginevra, dall’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, e, per la tappa torinese, dalla Città di Torino e dell’Osservatorio Astronomico di Torino.

Il calendario espositivo nelle sedi Shenker Culture Club:
19 febbraio-4 marzo 2009 – Torino, Piazza Solferino 9 
12-25 marzo 2009 – Milano,  Via Nirone 2 ang. C. Magenta
2-22 aprile 2009 – Roma, Piazza di Spagna 66
11-30 giugno 2009 – Bologna, Via Indipendenza 67/2


Donne alla guida della piú grande macchina mai costruita dall’Uomo
Ovvero la complessità di LHC in mano alle scienziate italiane

Shenker Culture Club,  Via Nirone 2 ang. C. Magenta, Milano
Inaugurazione giovedì 12 marzo 2009 ore 18.30
Esposizione: dal 12 al 25 marzo 2009
Orario: dal lunedì al venerdì 10.00-19.00, sabato 10.00-13.00
Prenotazione gruppi: tel. 02/36552858 - 02/36553794
Ingresso libero

Pin It

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.