Un uomo distrutto dal licenziamento

UN UOMO DISTRUTTO DAL LICENZIAMENTO

Dopo anni di mobbing arriva il giorno fatidico del licenziamento, generato da un complotto tra datore di lavoro e qualche dipendente.

Così,  quest’uomo di quarant’anni padre di famiglia, si trova catapultato all’improvviso in una fase della propria vita nella quale non riesce nemmeno a reagire talmente grande è la sofferenza che prova dentro di sé.

Attraversa l’azienda per recarsi nello spogliatoio passando imperterrito davanti ai colleghi che, in pochi minuti vengono a sapere tutto.

Apre il suo armadietto e piangendo raggruppa i suoi panni e stacca i disegni dei propri figli con la scritta “Ti vogliamo bene Papà”.

Non capisce più niente, non sa nemmeno come raccontare tutto alla propria moglie, dopo nove anni di servizio e più di cinque anni a sopportare chi cercava ad ogni costo di ostacolarlo.

Quest’uomo è distrutto, oltre che dal dolore anche dalla rabbia e dall’angoscia…come farà ora con i figli, la moglie, il mutuo e i problemi di tutti i giorni? Troverà un altro posto di lavoro? Chi lo tutelerà?

Si domanda continuamente se il suo datore di lavoro ha una coscienza…Quando ogni sera torna a casa felice dalla propria famiglia non pensa al dolore e al male che ha procurato ad una persona come lui? Non capisce di aver distrutto la serenità di una famiglia? E’ possibile essere tanto vili da arrivare a fare tutto ciò?

Inoltre, egli si domanda perché, nel momento in cui si è rivolto alle autorità competenti sindacali e legali per chiedere aiuto, esse non sono intervenute per poter denunciare coloro che hanno provocato questa orribile situazione.

Si spera che la presente faccia riflettere.


Lettera firmata

M.S.

Pin It

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.