Addio Malcom Mclaren

ADDIO MALCOM MCLAREN MANAGER DEI SEX PISTOLS
Malcom Mc Laren amava descriversi come un artista. Il produttore discografico, performer nonché manager dei Sex  Pistols, band inglese simbolo del punk, muore l’8 Aprile all’età di sessantaquattro anni a causa di un mesotelioma.
Correva l’anno 1971 quando lo scozzese inaugurava insieme alla fidanzata Vivienne Westwood un negozio di abbigliamento dal nome Let it Rock.
Approdando a New York lancia i New York Dolls  ma il vero successo arriva scommettendo sui The Strand che di lì a poco sarebbero passati alla storia col nome di Sex Pistols.
Fu Malcom a suggerire alla band di reinterpretare in chiave punk l’inno nazionale inglese, proprio in occasione del giubileo d’argento di Elisabetta II. La canzone fu censurata in tutte le radio ma godette lo stesso di uno straordinario successo.
La carriera di Malcom McLaren è lunga e piuttosto ricca. Un uomo che nella vita non si è certo risparmiato.
Gli ultimi dodici anni li ha trascorsi accanto alla coreana-americana Young Kim con la quale si trasferì a Parigi nel 2002.
Ci si aspetterebbe una morte scioccante magari misteriosa da un uomo che ha segnato inesorabilmente la storia della musica. Invece no. Malcom se n’è andato in maniera silenziosa, comune.
Le ultime parole pronunciate nella clinica svizzera dove è spirato sono state: “Liberate Leonard Peltier” (attivista americano, membro dell’ American Indian Movement, accusato di aver ucciso due poliziotti dell’F.B.I e condannato a due ergastoli nel 1977. I suoi sostenitori continuano a vederlo come un prigioniero politico).
Mentre sul suo sito ufficiale compare la scritta “Malcom will return shortly”-“Malcom tornerà presto”, il mondo della musica piange un altro dei suoi pilastri che se ne va.

Pin It

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.