Francesco Renga incontra i suoi fans

francesco rengaFrancesco Renga presenterà il suo nuovo album il 24 febbraio alla Feltrinelli di Piazza Piemonte. "Fermoimmagine", primo greatest hits del cantante, in edizione standard è costituito da 17 canzoni, in edizione deluxe, ne comprende il doppio. Oltre ai successi, vi sono tre inediti: "Ho ma non ho", "Senza sorridere" e "La tua bellezza", portata al Festival di Sanremo di quest’anno.  
Esperienza sempre importante il Festival, trampolino di lancio per molti artisti che, divenuti famosi, evitano il più delle volte di gareggiare ancora al concorso canoro più famoso d’Italia. Nel lontano 2001 anche Francesco Renga si impose al grande pubblico salendo sul palco dell’Ariston con "Raccontami". E tornò al Festival l’anno seguente, ormai tra i big, con "Tracce di te", dedicato alla madre e con "Angelo" vinse nel 2005. Si dice che abbia scritto questo brano di notte - la sua bambina fra le braccia e in televisione le immagini di una tragedia umanitaria - provando la terribile paura di dover lasciare la piccola Jolanda priva di protezione e del suo amore. E come padre, rivolgendosi a un angelo, chiede di vegliare sulla figlia quando lui non ci sarà più. Altro testo intenso, intimista, ispirato dai sentimenti più profondi.
Successivamente si metterà in gioco sul palco sanremese con "Uomo senza età" e quest’anno con la canzone "La tua bellezza", scritta a più mani da Renga, Mancino e Faini.

Di seguito il testo per chi ancora non dovesse conoscerla.

"Mentre aspetto che tutto finisca
E ti guardo perché sei perfetta
Sei la cosa che più mi spaventa
Mentre togli il vestito di fretta
Non rimane che la meraviglia
Che la tua pelle nuda risveglia
Sto precipitando amore mio
Come la pioggia sul tuo viso
Come il cielo quando crolla all’improvviso
Se la tua bellezza è
Furiosa e nobile
E’ qualcosa che somiglia alla parte migliore di me
Se la tua bellezza è
La tua bellezza è…
Mentre giri sull’ultima giostra
Come sopra due metri di onda
Ogni mio desiderio si incendia
Stanno rotolando amore mio
Queste stagioni
Come sassi in un torrente
Come fanno i nostri sogni
Se la tua bellezza è
Furiosa e nobile
E’ qualcosa che somiglia alla parte migliore di me
Se la tua bellezza è
La tua bellezza
E’ qualcosa che somiglia alla parte migliore di me
Domani è un giorno lontano
Ora che per l’unica volta ci amiamo
E’ per me
La tua bellezza
La tua bellezza
Se la tua bellezza è
Furiosa e fragile
E’ qualcosa che somiglia alla parte migliore di me
Se la tua bellezza è
La tua bellezza è"

In una intervista di qualche anno fa, Francesco Renga disse di sé: "Cerco sempre di essere molto sincero. Sono sempre a nudo quando presto il fianco a una canzone o a un racconto. È sempre molto personale la scintilla da cui scaturisce l’esigenza di scrivere. È sempre qualcosa che mi attraversa."
Quando affiorano gli stati d’animo, i ricordi, le suggestioni, la composizione è il passo seguente e un brano prende vita. Di questo e di altro, Francesco Renga parlerà coi suoi fan alla Feltrinelli e firmerà le copie del suo "Fermoimmagine".


Libreria La Feltrinelli
piazza Piemonte, 2 - 20145 Milano

Inizio evento ore 18:30
24 febbraio 2012

Pin It

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.