• Home
  • ARTE
  • Dario Fo in mostra a Palazzo Reale

Dario Fo in mostra a Palazzo Reale

Dario Fo a Palazzo Reale"Lazzi sberleffi dipinti" è il titolo originale di una mostra antologica che si terrà al Palazzo Reale di Milano. E con un tale titolo chi, se non Dario Fo, potrebbe essere l’autore delle opere presentate?

Si tratta, infatti, della prima mostra che celebra la carriera, la creatività e la vita di "un attore dilettante e pittore professionista", per usare le parole con cui lui stesso più volte si è definito. Dipinti a olio di quando il giovane Dario Fo studiava all’Accademia di Brera, arazzi, collages, gli oggetti usati a teatro, e ancora disegni, schizzi, acquarelli, locandine, sino ad arrivare ai quadri recenti, di notevoli dimensioni; oltre 400 opere esposte dove non mancherà la satira, componente integrante della modalità espressiva del premio Nobel per la Letteratura (1997).

Lunedì 12 marzo, durante la conferenza stampa per la presentazione di "Lazzi sberleffi dipinti", l’Assessore alla Cultura, Moda, Design del Comune di Milano Stefano Boeri parlando della mostra ha dichiarato: "Colmiamo oggi con un ritardo ingiustificato un debito ingiustificato, di fronte a una delle più grandi personalità dell'arte internazionale che ha vissuto e lavorato a Milano".
"Per valorizzare il suo processo creativo che è unico, perché ha usato l'immagine per tradurre una gestualità che è diventata poi parola teatrale e scritta (…)" dice giustamente l’Assessore.
Da lunedì sino al 18 marzo, dalle 10 alle 17.30, sarà possibile osservare Dario Fo al lavoro nella "Bottega dell’artista", allestita anch’essa a Palazzo Reale. Dario Fo rispondendo alle domande dei giornalisti ha chiarito che trova utile la condivisione dei momenti creativi. "(…) e poi non si tratta di persone qualsiasi, ma di ragazzi che studiano e che hanno voglia di conoscere" e ha proseguito: "A me non interessa fare una mostra, ma la parte didattica, per mostrare ai ragazzi ciò che non conoscono: la satira, l'oscenità e i paradossi che esistono anche nella pittura alta, in Michelangelo ad esempio, io stesso quando ho studiato a Brera ho imparato soprattutto andando appresso ai miei professori".
Dal 24 marzo la "Bottega dell’artista" farà parte della mostra, continuando a suggestionare il pubblico immerso nella realtà sperimentale di un pittore, una realtà fantasiosa ma fatta anche di tecnica, di osservazione del mondo, di appassionato impegno. mostra Dario Fo palazzo RealeIn una interessante intervista di qualche mese fa, Dario Fo raccontò di sé: "Ho cominciato a dipingere proprio al confine, a 5 anni ospite a casa di uno zio acquisito che amava tantissimo la pittura, lui svizzero e la zia italiana, lo zio faceva il vigile e aveva una divisa bellissima. Mi fece un regalo fantastico: colori, carta e addirittura tavole, così iniziai a dipingere. Più tardi, quasi 10 anni dopo, ritornando in questo luogo, ho visto una decina di mie tavole appese al muro e ho visto un pittore. In poche parole, il fatto di tornare dove ho cominciato è sempre un brivido una emozione. (…) Nel dopoguerra non si aveva paura di cercare soluzioni nuove, di andare oltre certi confini, ci si muoveva, abbiamo dipinto in tutte le direzioni. Non era un dipingere per apparire diversi ma solo per sperimentare, per studiare e scoprire il significato del valore della pittura, della scenografia ecc. All’Accademia di Brera ho partecipato a lezioni di scenografia, scultura, le materie non erano staccate come oggi ma si faceva tutto assieme, negli anni ho cercato di salvare quell’idea di arti che si fondono e che ancora mi porto dietro. Pochi sanno che a Brera sono passati grandi pittori stranieri, oggi anche importanti, arrivati dalla Francia e dalla Spagna. Ho recitato i pezzi che prima ho dipinto. Io sono un pittore professionista che ha deciso di fare l’attore e il regista".
"Lazzi sberleffi dipinti" dal 24/03/2012 al 03/06/2012. Lunedì: dalle ore 14.30 alle ore 19.30; martedì, mercoledì, venerdì, domenica: dalle ore 09.30 alle ore 19.30; giovedì e sabato: dalle ore 09.30 alle ore 22.30.

Palazzo Reale
Piazza Duomo, 12 - 20121 Milano

Inizio evento ore 9:30
24 marzo 2012

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.