100 fotografie per 15 fotografi

mostra fotografica RiflettereSe l'ambito della fotografia vi interessa, ma non abbastanza da spendere 15 € (12 € per studenti sotto i 26 anni) per il MIA fair, che si sta tenendo al SuperstudioPiù in questi giorni (visitabile dal 4 al 6 maggio in via Tortona 27) e che rappresenta la seconda edizione di una fiera d'arte dedicata al video e alla fotografia in cui ogni artista ha la possibilità di avere un proprio spazio espositivo personale, allora potreste andare a  visitare la mostra “Riflettere”.

Questa mostra permette infatti di ammirare fotografie di artisti diversi, sia per vissuto che per interessi, ma uniti dal fil rouge di un progetto che richiama alla mente di Gianfranco Farioli, uno dei due architetti organizzatori dell’evento con Gabriella Zecchini, una mostra realizzata già nel 1975 in cui erano state esposte le foto originali di Man Ray degli anni ’20 e ’30. È infatti ricordando quella particolare esperienza di progettazione che Farioli chiarisce l’obiettivo dell’esposizione attuale: “Ci ha intrigato confrontare maestri, professionisti e giovani talenti senza gerarchie, assenti dal nostro progetto di curatori che intendiamo proseguire in questo spazio storico di Milano”.

Per mettere in atto questo progetto le opere esposte sono state scelte tra quelle di quindici fotografi, quali Mario Bertozzi, Roberto Caielli, Roberto Calvino, Luca Carrà, Giovanni Diffidenti, Giulio Di Sturco, Gianfranco Farioli, Andrea Frazzetta, Giovanni Marrozzini, Donatella Morelli, Maria Mulas, Davide Niglia, Franca Parisi, Elisabetta Stoppani.

I fotografi chiamati in campo sono voci diverse e vanno dai più noti e da più tempo presenti sul campo, come Luca Carrà, che sii occupa prevalentemente di fotografia d’architettura e di opere d’arte e lavora per importanti riviste italiane e per famose case editrici in Italia ed all’estero, il foto-giornalista Giovanni Diffidenti, ai più giovani, ma non meno talentuosi e conosciuti, come Giulio di Sturco che ha collaborato con molte riviste sia a livello nazionale che internazionale e con associazioni molto importanti anche a livello mondiale, e Andrea Frazzetta, che ha iniziato la propria carriera con un reportage dell’Africa e dell’America del Sud.

Visitare la mostra permette quindi di entrare in contatto con realtà che vengono da tutto il mondo e di osservarle dai punti di vista differenti che sono starti catturati dagli obbiettivi di fotografi che hanno saputo cogliere in immagine quello che davanti a loro hanno scoperto come speciale.

Inoltre, il giorno 10 maggio alle ore 18.00 Roberto Caielli, fotografo stampatore professionista di cui saranno esposti alcuni scatti, terrà una conferenza sul tema “Tecnologia digitale e artigianalità nella stampa fotografica Fine Art”.

L’evento, come l’esposizione, è a ingresso gratuito. La mostra si terrà dall'8 maggio al 12 maggio
ogni giorno  dalle 10:00 alle 19:00 nella Sacrestia monumentale della Basilica di San Marco.

 

Per informazioni:
Sacrestia monumentale della Basilica di San Marco

Piazza San Marco, 2 - 20121 Milano

Pin It

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.