Nuove Moschee davvero necessarie?

moschea milanoRiflettendo sulla situazione dei musulmani a Milano e più in generale in Italia, mi chiedo se la priorità sia davvero la costruzione di moschee, luogo di culto dove ringraziare Dio per il bene che ha donato agli uomini sulla terra e di cui non riusciamo a sfruttare tutti i lati positivi.

Riflessione che mi porta a un risultato estremamente lontano da ciò che altri musulmani pongono come priorità strettamente necessaria per sentirsi  con la coscienza a posto.  Cifre esorbitanti mi echeggiano nei timpani, cifre di cui sento solo parlare e che non portano a un risultato efficacie ne per  la comunità musulmana, ne per la società in cui viviamo.

Quale sia realmente la soluzione, solo Dio lo sa, ma ci si può sforzare nel capire quale sia la strada migliore per mettere in pratica i valori musulmani. Uno dei principali dogmi nell’Islam è la preghiera, ma il luogo di culto non è una condizione necessaria per applicare rigorosamente tale rituale.

Passeggiando per le vie milanesi, osservando “gli altri”, leggendo i giornali, è sufficiente per rendersi conto che quelle cifre che per poco non mi rompono i timpani siano utili per fare altro. Questo altro può salvare molte persone dalla miseria, dalla fame, dalla disperazione e quindi dal suicidio.

Allargando la cerchia lo stesso pensiero è rivolto alla Chiesa, ai partiti politici, alle grandi aziende e a tutti coloro che egoisticamente guardano solo in caso propria.  Se ognuno di noi rinunciasse a un piccolo capriccio, sarebbe sufficiente per donare un sorriso o addirittura la vita ad un “altro” essere umano. Quale miglior modo di ringraziare Dio, se non salvando una sua creatura?

Rascea El Nakoury

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.