Da quando ti ho rivista

DA QUANDO TI HO RIVISTAIl mondo delle riviste letterarie è un ambiente spesso sommerso, ma estremamente vitale. Decine di progetti nascono ogni anno, altri ne muoiono, rendendo ancora più difficile orientarsi in questa selva di nomi e testate.

È a volte arduo, anche per un lettore volenteroso, entrarci in contatto perché non sono molte le riviste che hanno una regolare diffusione in libreria e d’altro canto non è la libreria il luogo in cui possono vendere di più: sommersi da best sellers di tutti i tipi, questi progetti soffrono puntualmente di una visibilità molto bassa.

È tramite incontri, letture e presentazioni – e aperitivi, perché no? – che le redazioni possono conoscere i propri lettori, pubblicizzare i propri lavori e vendere le copie. E Milano è una delle città in cui più è attivo il circuito, non soltanto per la concentrazione di progetti editoriali, ma anche per l’abbondanza di luoghi in cui è possibile organizzare eventi di questo tipo – siano essi librerie, locali o semplici bar. Uno di questi è il Circolo Arci Ohibò, spazio culturale attivo da poco, ma sorto sulle ceneri dell’Arci 50, nome storico di piazzale Lodi. Precisamente in via Benaco 1.

Venerdì 1 giugno, a partire dalle ore 22, tre riviste dalla storia differente, ma unite da un modo simile di vedere la cultura – un approccio lontano da quello che vuole i libri rilegati in ambienti polverosi e universitari – hanno organizzato un piccolo incontro che mescola musica acustica, reading e dj set. Perché – usando le parole di Matteo Scandolin, uno degli organizzatori – “l’unico modo di far respirare una rivista è quello di portarla in giro”.

Le riviste presenti sono inutile, Cadillac e Follelfo. Ho chiesto alle tre redazioni di presentarsi e loro hanno risposto in questo modo:

«inutile» nasce nel 2007 e tra un mesetto circa compie 50 numeri e più di 5 anni. Fino a ottobre scorso era un mensile e stava in un taschino da camicia, poi è diventata trimestrale e sta nel taschino della borsa. 

«Cadillac» nasce nel novembre 2011. È una rivista e un’associazione culturale. La rivista cerca, scova e pubblica racconti italiani inediti e approfondimenti su quelle che sono le letterature dell'editoria “minore”. Ha cadenza trimestrale ed è distribuita per abbonamento, rintracciabile in qualche libreria di Milano e disponibile gratuitamente sul web. Finora ne sono usciti due numeri, il prossimo a luglio.

«Follelfo» nasce nel 2007, ma pubblica a partire dal 2009. È una rivista di racconti e illustrazioni di cui sono usciti finora quattro numeri, a cui va aggiungersi un numero speciale composto esclusivamente da un’intervista inedita a Edoardo Sanguineti.

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.