Piano per la socialità 2012

Il Comune di Milano Assessorato alle Politiche Sociali e Cultura ha deciso quest’anno di intervenire per dare un sollievo alle persone anziane e non, che vivono da sole, mettendo in atto il progetto un “Piano per la socialità”, un qualcosa che va a loro in aiuto. Questo progetto lo si può definire una costola del “Piano anticaldo”, altro non è che un intervento in ambito sociale per dare ai milanesi e chi vive a Milano momenti di incontro e socializzazione, mettendo il tutto anche a disposizione di associazioni che già agiscono nel territorio. Si vuole far si che in tutte le zone quando ci sono le vacanze e si pensa che si è soli, questo non accada, facendo iniziative, eventi e manifestazioni, coinvolgendo chi rimane. Gli spazi dove fare queste attività li mette a disposizione gratuitamente il Comune, dandoli a singoli cittadini che organizzano un qualcosa o a gruppi e associazioni per eventi vari. Il tutto è stato allargato per tutto l’arco dell’anno, proseguendo anche oltre ai mesi estivi. Il tutto lo si può attuare anche grazie al contributo dato: dal Comune stesso, dalle Associazioni di volontariato e dai singoli cittadini.

Per avere ulteriori e più precise informazioni, utilizzare gli spazi, e fare prenotazioni basta chiamare il numero verde 800.777.888 dalle 8,00 alle 20,00 o scrivere un’e mail a pss.socialità@comune.milano.it. Lo scopo di tutto questo è quello di fare vivere insieme, fare comunità, costruire relazioni fra persone di tutte le età: giovani, adulti e anziani, tramite un percorso di cooperazione e crescita personale reciproca. In questo caso la città si apre ai suoi abitanti, che possono avere spazi gratuiti dal Comune, e che sono in tutee le zone e i quartieri, qui si possono organizzare e creare eventi singoli o eventi un gruppo. Per le Associazioni c’è la possibilità di richiedere la gestione per un po di tempo di uno spazio, che è concesso gratuitamente. Lo scopo è l’aumentare e migliorare già l’attivismo esistente, dando questi luoghi in uso per eventi a carattere sociale, il tutto a vantaggio e in uso a chi per svariati motivi è rimasto a casa. Inoltre tramite il centralino, le persone diversamente abili, gli anziani, le loro famiglie possono chiedere il pronto intervento assistenziale, e altri servizi: la consegna dei pasti a domicilio, l’assistenza domicilia, la consegna dei pasti a caldo, alcuni momenti di compagnia e aiuto nei lavori domestici, il fare la spesa, l’essere accompagnato a visite mediche, buoni spesa gratuiti e buoni taxi e buoni spesa per gli anziani più bisognosi.

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.