Giusto ricordare Giorgio Gaber

giorgio gaberA dieci anni dalla sua scomparsa di Giorgio Gaber, esce per i suoi ammiratori, fans e chi lo ha conosciuto, l’Album con la sua storia e le sue canzoni, proposte da 50 ottimi interpreti, facendo così un grande tributo a questo grande interprete della Musica Italiana. Questi dieci anni senza di lui, vanno per così dire colmati, avendo vissuto tanto a Milano, lo si incontrava in giro, nelle strade, nelle piazze e altrove con la sua allegria e voglia di dire la sua.

In questi anni la Fondazione Giorgio Gaber ha fornito un grande compendio culturale con il suo nome, il suo pensare, diffondendo quanto detto e fatto da questo grande artista che ha dato molto alla musica italiana. L’uscita di questo ricordo è avvenuta il 13 novembre 2012, e lo si può trovare in tutti i negozi di dischi e in digital download. Il titolo di questo album è “Io come persona” il modo migliore per dare un senso concreto  a questo progetto. Giorgio Gaber rimane e rimarrà sempre tra di noi.

 

Nel pezzo “…io ci sono” va detto c’è la giusta risposta che ogni artista ha dato alla Fondazione, ogni volta che è stato chiamato a fare un qualcosa per ricordare il Signor G. Ad aprire questo album c’è “Ciao ti dirò”, che è la prima canzone fatta da Gaber nel 1958 e l’ultima da lui cantata dal vivo con Celentano nel 2001. La sua vita musicale ha inizio proprio da dove il Signor G ci ha lasciati, con l’unica volta che ha fatto un duetto con Celentano, che da l’inizio del suo grande cammino e percorso, prima con la musica popolare, poi nel Teatro Canzone, per diventare poi protagonista mattatore della cultura italiana. Questo triplo CD ha al suo interno le migliori interpretazioni che i più noti nomi della musica italiana gli hanno dedicato, con brani diversi per ognuno di loro, ripercorrendo i suoi anni musicali, portando sincerità, allegria, proponendo la storia della nostra Italia, dal 1958 al 2003. Oltre alla versione principale”…io ci sono” è disponibile anche in versione Deluxe, in una graziosa confezione a tiratura limitata e numerata. Il triplo cd con le 50 canzoni, presenta tre pezzi esclusivi: Roberto Cacciapaglia con “Non arrossire”, Ron con Quando sarò capace d’amare” e Mina con “Lo shampoo”. C’è anche un libro che parla del progetto gaberiano, con le parole e gli scritti di Vincenzo Mollica, Salvatore Veca, Michele Serra, con su i testi di tutte e 50 le canzoni, oltre ad un compendio discografico sullo stesso Gaber. Come chicca nella versione Deluxe c’è una poesia con dedica a Gaber di Renato Zero, con 3 rare fotografie, fatte in un formato speciale, il primo scatto è di Luigi Ciminaghi (1968); il secondo è di Andrea Scanzi (1991) e il terzo è di Guido Harari (1993). Per completare al meglio la confezione Deluxe ci sono due DVD con all’interno materiale inedito curato a nome della Fondzione Gaber da Andrea Pedrinelli, e  Secondo me Giorgio Gaber", con frammenti di interviste inedite dei 50 artisti presenti nell’album." Inediti e rarità" ha una selezione di filmati amatoriali per la prima volta, messi a disposizione dalla Fondazione e che costituiscono una vera e propria “chicca” per il pubblico gaberiano. Brani come “Mi fa male il mondo” e “E tu stato” vengono proposti infatti per la prima volta in versione video. Il DVD ha un documento dell’ultima apparizione pubblica di Giorgio Gaber: grazie al Clan Celentano, il DVD apre con lo storico duetto, tratto dal programma “125 milioni di caz..te”.. A produrre l’Album ci ha pensato la Fondazione Gaber, che ringrazia tutti coloro che hanno partecipato a farlo e realizzarlo.

Guido Baroni

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.