1° dicembre – Giornata Mondiale contro l’AIDS

croce rossaHIV, più di 100 stand ed iniziative per dire no all'AIDS
I Giovani della Croce Rossa Italiana in campo sul territorio nazionale per promuovere una corretta informazione e prevenire la diffusione di malattie sessualmente trasmissibili


Avranno luogo più di 100 iniziative, sabato 1 dicembre, organizzate dai Giovani della Croce Rossa Italiana su tutto il territorio nazionale che spaziano dai convegni nelle scuole ai flash mob in piazza, dagli stand informativi ad attività di informazione nei locali della movida.
“Non possiamo distruggere il virus” dichiara Rosario Valastro, Ispettore Nazionale dei Giovani della Croce Rossa Italiana “ma possiamo abbattere la disinformazione e quindi la diffusione delle malattie sessualmente trasmissibili. Su questo lavoriamo costantemente dal 2006 affinché sia il primo dicembre tutto l’anno”.

I Giovani della Croce Rossa Italiana sono impegnati da anni nelle scuole superiori con appositi percorsi didattici volti a trattare l’educazione alla sessualità, la contraccezione e la prevenzione delle malattie sessualmente trasmissibili. Nell'ultimo anno, in particolare, la revisione delle attività è stata un passo fondamentale per ammodernare le iniziative proposte e prediligere incontri nelle scuole piuttosto che attività sporadiche nei locali diffondendo non più soluzioni pronte (astinenza, fedeltà, preservativo) ma informazione sanitaria sul tema e quindi consapevolezza dei rischi.
Nel corso di quest’anno sono stati realizzati ed ancora in calendario incontri nelle scuole ed attività di piazza che coinvolgeranno complessivamente 40.000 giovani.

Il materiale informativo distribuito sul suolo nazionale ed i profilattici distribuiti nell'ambito delle attività sono forniti dal marchio di preservativi Akuel (akuel.it), partner dalla campagna di sensibilizzazione sin dalla sua nascita, che quest’anno ha supportato le iniziative mediante la donazione di 40.000 preservativi, 40.000 pieghevoli e 2.000 locandine dal motto “protetti ed informati”, andando a sostenere quindi anche le attività pianificate nelle scuole italiane.

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.