Sport in carcere a San Vittore

carcere san vittoreGrazie all’impegno e volontà del Comune di Milano, del Consiglio di Zona 1 e di altre Istituzioni, il 15 gennaio 2013  si è giocata nel carcere di San Vittore a Milano una partita di calcio tra la squadra composta da detenuti contro l’altra nella cui rosa c’erano i Consiglieri della Zona 1 di Milano.

L’incontro molto sentito dai giocatori in campo è stato arbitrato dall’ex arbitro di serie A Giancarlo Bolognino, attuale ideatore e coordinatore del progetto “Mens sana in corpore sano”, e docente di Educazione Fisica all’interno del carcere. In campo si è voluto socializzare e divertirsi, attuando in prima persona lo scopo di questo progetto che vuole incrementare la possibilità di fare sport i detenuti che fanno i corsi scolastici per adulti, che si svolgono nel carcere, tenuti dal centro territoriale Permanente Cavalieri.

Il Carcere di san Vittore si trova in Zona 1, e il suo consiglio ha deciso  di partecipare a questo progetto “Mens sana in corpore sano, dando un contributo economico per far si  di portare ai detenuti attrezzature sportive per queste loro attività sportive e di allenamento. Questo evento ha il significato di dimostrare vicinanza da parte delle istituzioni locali di Milano, al carcere e alle sue problematiche, mettendosi in prima persona a fare eventi di questo tipo e genere, che diano ossigeno e positività alla vita dei detenuti, portando migliria  alla loro qualità di vita nel periodo che stanno in carcere, coinvolgendo i cittadini e portandoli a conoscenza di queste esigenze carcerarie.

L’attuale condizione delle carceri come tutti ben sanno non è delle migliori, e con iniziative come questa, che si vuole allargare ad altri luoghi detenzione, vuole far si da essere da richiamo verso  le autorità e istituzioni della società civile, in modo  che intervengano per si che chi è detenuto, venga coinvolto in un percorso di riabilitazione e recupero, queste regole sono scritte anche nella nostra Costituzione, ma difficilmente vengono attuate, adesso è l’ora di impegnarsi a farle fare.. Finita la partita, in cui il risultato non ha valore, molto combattuta e in cui si è visto anche dei momenti di bel gioco, c’è stato un momento di incontro e scambio di idee tra i consiglieri del Consiglio di Zona 1 e una rappresentanza dei detenuti, parlando e discutendo sull’attuale loro condizione carceraria.

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.