• Home
  • CRONACA
  • Atalanta - Milan Serie A 22A giornata: el segna semper lu!

Atalanta - Milan Serie A 22A giornata: el segna semper lu!

milan teamApro questa pagina dedicata al Milan con una piccola parentesi su quel commediante di Antonio Conte. Anche quando si hanno tutte le ragioni del mondo, nella vita non bisognerebbe mai perdere la calma. E’ normale che a volta ciò possa capitare, a me per primo, e infatti me ne pento un attimo dopo.

Fare quel tipo di sceneggiate per uno, due, fossero anche sette rigori non dati quando nella propria vita calcistica si è goduto di arbitraggi sfacciatamente a favore non è normale. E’ patologico e ridicolo. Se uno è così sfacciatamente fazioso e disonesto, allora è capace di tutto. E, caro Conte, sono i non juventini a dormire sonni poco tranquilli. Peccato perché, tralasciando il resto, riconosco i meriti di Conte nel dare alla Juve gioco, personalità, vittorie e corsa, tanta corsa, molta corsa.

Spostandoci da Torino a Bergamo, i ragazzi hanno conquistato 3 punti preziosi contro l’Atalanta, capitalizzando un bel gol di El Shaarawy a metà del primo tempo, frutto di una combinazione tra creste. Bravo Dj Niang a vedere il taglio del compagno e servirlo con tempismo perfetto. Freddo e preciso il nostro Faraone per il 15° gol in campionato.

Nel secondo tempo il Milan ha prima cercato senza successo il raddoppio, poi provato ad anestetizzare (a mio avviso con troppo anticipo) una partita che si è fatta sempre più nervosa, con l’espulsione dell’atalantino Brivio per doppio giallo, contrasti duri, screzi vari, simulazioni ridicole (vedi Carmona), reazioni stupide (vedi Robinho, testata da prova tv, e vista la prestazione di ieri se si facesse due/tre giornate fuori non mi dispiacerebbe).

In sintesi una partita tignosa su un terreno in cattive condizioni nella quale il Milan non ha certo dato spettacolo, ma si è dimostrato alla lunga superiore a una Atalanta ben messa in campo da Colantuono.

Il risultato permette ai ragazzi di issarsi al 5° posto, scavalcando la Fiorentina, distanziando ulteriormente la Roma (ora a -3) e accorciando la distanza dall’Inter (+3) bloccata gaudium magnum in casa dal Torino. Tre punti guadagnati anche alla Lazio (ora a +6), ma meglio volare basso. Weekend molto positivo insomma.

Nelle ultime partite il Milan è apparso una squadra razionale, senza troppi svolazzi e con giocatori messi finalmente nel proprio ruolo al fine di rendere il più possibile in linea con le proprie attuali possibilità. Un portiere che para, due terzini che spingono senza tralasciare la fase difensiva, due centrali di buon livello che ieri hanno limitato le distrazioni (modo politically correct di chiamare le cappelle al cubo cui ci avevano abituato). Un regista davanti alla difesa, capace di impostare il gioco, ma anche di contenere, aiutato in questo da un mediano specialista nel fare la legna. Una mezz’ala anarchica tatticamente, che se si spogliasse della sua ingiustificata supponenza sarebbe determinante per questa squadra. Un centravanti supportato da due ali giovani e forti, costanti spine nel fianco delle difese avversarie, ma all’occorrenza ben disposte al sacrificio. Una squadra logica.

Migliore in campo Gollum Montolivo. Una volta tanto un bravo anche ad acciughino Allegri! Avanti così.

PS: Mister, già che ci sei la prossima volta nei minuti finali fai entrare qualcun altro che non sia Robinho: 5 palloni toccati, 4 regalati agli avversari e uno passato all’arbitro.

Ah, la saudade!

Copyright © 2006 - 2019 MilanoFree.it, testata registrata Trib. Milano n. 367 del 19/11/2014  IT13181390157 MILANO TORINO PAVIA RIMINI