Fenomeno Beppe Grillo: solo 4 gatti

grilloBeppe Grillo infiamma le piazze? Solo quattro gatti… o così vorrebbero farci credere i rappresentanti dei tradizionali partiti politici. Negli ultimi trent’anni Beppe Grillo ha riempito le sale dei teatri raccontando e mettendo in piazza i misfatti dell’Italia ed ora con il Movimento 5 Stelle riempie le piazze con l’intenzione di fare pulizia di una classe politica che non ha a cuore l’Italia.

Beppe Grillo nasce nel 1948 a Genova, nel 1976 grazie a Pippo Baudo inizia la sua carriera come comico e prosegue la sua satira sempre più pungente fino al 1986 quando in seguito ad una “battuta” sul movimento socialista e su Bettino Craxi, viene invitato ad uscire di scena.

Ecco la battuta: « La cena in Cina… c’erano tutti i socialisti, con la delegazione, mangiavano… A un certo momento Martelli ha fatto una delle figure più terribili… Ha chiamato Craxi e ha detto: “Ma senti un po’, qua ce n’è un miliardo e son tutti socialisti?”. E Craxi ha detto: “Sì, perché?”. “Ma allora se son tutti socialisti, a chi rubano?” »

Ma chi sono questi 4 gatti che gli danno seguito? Ci giriamo tra la folla e c’è un po’ di tutto: attivisti, gente delusa dai grandi partiti come Pdl e Pd, ex leghisti nauseati, moderati e benpensanti, gente stufa delle solite vane promesse elettorali, gente che ha deciso non solo di protestare contro i partiti tradizionali ma di dare il proprio voto ad un comico-politico perché non si intravede un’alternativa.

Perchè segue Grillo? - chiediamo alla gente. "E' l'unica scelta possibile oggi per evitare al Paese ulteriori disastri sociali." ci dice uno - "Meglio uno come il Trota? O come il nano burlone?" ci risponde un altro. "Per cacciarli via tutti" un altro ancora.

Grillo dal canto suo dopo aver scaldato le folle dice «Adesso andate via in silenzio e diffondete il verbo». Il verbo di M5S che si diffonde come un’epidemia  all'interno della rete. «Noi non abbiamo speso un centesimo per la nostra campagna elettorale, non vogliamo i rimborsi e quelli di destra e sinistra dobbiamo mandarli tutti a casa».

Grillo farà il suo bagno di folla a Milano il 19 febbraio in piazza Duomo alle 18.

Che sia una vera rivoluzione o una mera illusione... il 25 febbraio tutto cambierà o non cambierà niente. Questa è l’Italia.

Pin It

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.