• Home
  • CRONACA
  • Cani nei locali pubblici: cosa dice la normativa

Cani nei locali pubblici: cosa dice la normativa

cani-esercizi-pubbliciI cani e gli animali di affezione possono accedere ai locali pubblici? A livello normativo statale non esiste alcun divieto di far entrare i cani nei pubblici esercizi, salvo quelli in cui si producono alimenti, con l'obbligo di condurli con guinzaglio e museruola, ai sensi dell'art.83, lettera d) del Decreto del Presidente della Repubblica 8 febbraio 1954 n.320, recante "Regolamento di Polizia veterinaria".

Ai sensi di tale normativa gli animali possono accedere a qualunque luogo pubblico o esercizio pubblico, salvo che non venga segnalato il divieto con apposito cartello a cui deve corrispondere un apposito certificato amministrativo rilasciato all'esercente dal comune.

Ciascun comune poi può emanare a livello locale ordinanze sindacali o regolamenti ad hoc più o meno restrittivi.

Si ricorda che quando si conduce un animale in luoghi pubblici valgono le prescrizioni contenute nell'Ordinanza contingibile ed urgente concernente la tutela dell'incolumità pubblica dall'aggressione dei cani. (G.U. Serie Generale n. 68 del 23 marzo 2009)- del Ministero della Salute.

Tuttavia, il divieto d’accesso rimane inalterato per tutti quei luoghi comunali definiti “sensibili”, come asili, scuole e case di riposo e rimane in vigore è quello sancito dal Reg. Ce 852/2004 che vieta espressamente l’ingresso agli animali domestici in tutti quei luoghi in cui vengono preparati o conservati alimenti.

In caso di cani è necessario utilizzare guinzaglio e museruola (se di piccola taglia possono stare in braccio e in borsa) e far attenzione a non ingombrare le entrate mentre per quel che riguarda gli altri animali d’affezione, è obbligatorio il trasportino (in buone condizioni di pulizia e senza spigoli vivi).

“Gli animali domestici sono parte integrante degli affetti e, come tali, devono essere trattati e accolti”, ha commentato l’assessore al Benessere e Qualità della vita Chiara Bisconti. “Spero che aumentino sempre più a Milano anche gli esercizi privati che accettano cani e gatti”.

Leggi anche:

Un gatto in appartamento? Ora è più facile gestirlo!

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.