• Home
  • EVENTI
  • Robert Doisneau a Milano: Paris en liberté

Robert Doisneau a Milano: Paris en liberté

doisneau milano"Quello che io cercavo di mostrare era un mondo dove mi sarei sentito bene, dove le persone sarebbero state gentili, dove avrei trovato la tenerezza.. Le mie foto erano come una prova che questo mondo può esistere". Questo disse Robert Doisneau per spiegare il suo lavoro. Fotografo francese vincitore del Kodak Prize nel 1947, Doisneau è stato colui che meglio è riuscito a rappresentare attraverso i suoi scatti la vita della Parigi tra gli anni '30 e '50 del '900.

Nato nei sobborghi di Parigi nel 1912 studiò litografia e subito dopo iniziò a lavorare nella Renault coltivando come suo hobby quello della fotografia. Negli anni della seconda guerra mondiale si impegnò nella resistenza e subito dopo la guerra venne assunto dall'agenzia fotografica Rapho con la quale collaborò sino alla sua morte nel 1994. Da fotografo lavorò anche per numerose riviste quali LIFE e VOUGE spaziando per differenti generi fotografici dal reportage alla moda, seppur le sue opere più famose restino quelle sulla vita quotidiana parigina.

A Milano tra il 20 febbraio ed il 5 maggio 2013 allo Spazio Oberdan è stata allestita l'esposizione dal titolo Paris en liberté che raccoglie più di 200 scatti del fotografo francese che spaziano tra il 1934 ed il 1991. Lo scatto più celebre, resta "le basier à l'Hotel de Ville" datato 1950 che immortala una coppia di giovani che si baciano appassionatamente di fronte all'Hotel de Ville di Parigi mentre tutto intorno il mondo si muove nella sua quotidianità.

Gli sguardi, gli stati d'animo, le sensazioni, a volte anche i profumi ed i colori; molto si può captare da questi scatti, ma soprattutto si rivede un passato, un'epoca fatta di gioie e dolori, dubbi e speranze. Forse non poi troppo diversa da quella attuale.

Edoardo Colzani

 

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.