• Home
  • COSTUME
  • Festa della donna 2013: luoghi comuni e piccoli difetti, ridiamoci su!

Festa della donna 2013: luoghi comuni e piccoli difetti, ridiamoci su!

mimoseGli anni passano, ma i luoghi comuni sull’essere donna continuano ad accompagnarci nel vero e nel falso. Oggi, noi donne della redazione di Milanofree.it, impugniamo tutte la penna per raccontarvi i pregiudizi che ci fanno salire il sangue alla testa e quei difetti che ammettiamo a testa bassa.

Vi proponiamo, con un sorriso e tanta auto-ironia, stereotipi, speranze, recriminazioni e difetti (piccoli!) di noi donne del 2013.

Pronti?

1.      Donna al volante 1…Sei bionda? O hai una Louis Vitton appoggiata sul cruscotto? Oppure guidi una Smart? Ma allora sei un pericolo pubblico! Alla prima curva la borsa cadrà, ti lancerai per prenderla al volo e, solo se tutto va bene, non finirai per un pelo fuori strada o contro un muro.

2.      Gentile, non disponibile! Incontri un ragazzo all’ingresso di un bar, lui ti apre la porta, tu ringrazi sorridendo e guardandolo negli occhi. Stanne certa: lui sta già immaginando un mezzo film porno in cui emula Rocco Siffredi.

3.      Parole, parole parole…Vuoi qualcosa dal tuo uomo, ma non ti va di chiederglielo esplicitamente. Ammettiamolo: ci girerai intorno a mo’ di indiano che danza per la pioggia, riuscirai a ottenere ciò che volevi e gli farai anche credere che sia stata una sua idea. Sei un genio del crimine!

4.      Come, ingegnere?! Sei donna, hai poco più di venticinque anni e sei carina: per questo devi esser per forza una segretaria. Se sognano di dirti “Toc-toc, baby, sono il tuo nuovo capo!”, tu fagli dire “Buongiorno, ingegnere!”

5.      In Regione con Nicole? Alcune donne che ricoprono le cariche politiche al giorno d’oggi sono uscite direttamente dal set di un film hard. E non se ne sono nemmeno accorte.

6.      AAA Cercasi. Sei carina , giovane e ti propongono un colloquio di lavoro, ma tu non accetti? Ho detto giovane, non scema: i colloqui di lavoro non si fanno dopo cena a casa del tuo futuro titolare.

7.      La casalinga di Voghera 2.0. Sì, faccio la spesa con un dignitoso tacco alto, ma non sto cercando un marito, caro. Semmai un facchino.

8.      Licenza di uccidere. Il Rimmel non è solo make up, il rimmel è un’arma da combattimento: vai e conquista!

9.      La bellezza non è tutto. Prego, per candidarsi allegare al CV numero 5 fotografie di viso, busto, gambe, spalle con “collo” visibile e fig. intera.

10.  Uomo, dove sei? Amiamo gli uomini duri: quelli che si fermano ad aiutarti se ti ritrovi l’auto in panne e soprattutto quelli che ti portano la valigia su per le scale della Stazione Centrale.

11.  Wonder Mamme. Ho lasciato il cellulare nel lavandino e un mestolo nel cassetto delle mutande, è vero. Ma forse questo succede perché mentre tu ti facevi il nodo alla cravatta, mio caro maritino, io ho lavato, spazzolato e vestito i figli, preparato la cena per stasera e telefonato in ufficio per avvisare che -come al solito- sarò “un pelo” in ritardo. Perché, sai, anche io ho un lavoro.

12.  Zitella! Sei una giovane donna indipendente che si concentra molto sullo studio o sul lavoro? Ti piace viaggiare da sola, leggere libri e andare alle mostre o a teatro? Non ti fermi un momento e sei pronta a prendere e partire in ogni momento? Cara, sappi che non troverai mai un uomo che ti vorrà sposare…

13.  Ottusi. Credi che sia giusto che le donne abbiano gli stessi diritti degli uomini? Che non vengano fatte differenze in busta paga a parità di posizione lavorativa? Che i lavori di casa debbano essere suddivisi equamente tra uomo e donna? Per ogni uomo sei solo una femminista fatta e finita.

14.  Altro che Mary Poppins….Le borse delle donne sono in realtà porte spazio-temporali: uomini, ora sapete dove cercare il cellulare che avete perso nel 1998.

15.  Lezioni di anatomia Nel cervello femminile, l’area “te l’avevo detto io” equivale a quella “calcio” nel cervello maschile.

16.  Gelosa io? “Ragazza? Quale ragazza? Non l’ho vista proprio!”: ogni volta che Lui pronuncia questa frase mentre passeggiate, sferrategli un calcio negli stinchi. Al 99% mente e se lo merita, nel caso sia sincero si tratta di punizione preventiva.

Continua…

LEGGI ANCHE LA SECONDA PARTE:

Festa delle donne 2013: continuiamo a ridere e a riflettere!

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.