• Home
  • ARTE
  • Arnaldo Pomodoro opere: in mostra Una Scrittura Sconcertante

Arnaldo Pomodoro opere: in mostra Una Scrittura Sconcertante

arnaldopomodoro"La sfera è una forma magica. La superficie lucida rispecchia ciò che c’è intorno, restituendo una percezione dello spazio diversa da quello reale, e crea mistero. Rompere questa forma perfetta mi permette di scoprirne le fermentazioni interne mostruose e pure" Arnaldo Pomodoro

Il 23 giugno 1926 nasceva uno degli scultori più rappresentativi del nostro secolo, Arnaldo Pomodoro.

La Fondazione Arnaldo Pomodoro, da sempre dedita alla promozione dell'opera dello scultore emiliano e alla scoperta di nuovi talenti, inaugurerà la nuova sede in via Vigevano 9 (sui Navigli), martedì 9 aprile con la mostra Una Scrittura Sconcertante.

Protagonista sarà il primo periodo di produzione artistica di Arnaldo Pomodoro con ventotto rilievi in piombo, argento, bronzo e dei disegni realizzati tra il 1954 e il 1960.

La mostra, curata da Flaminio Gualdoni, sottolinea l'influenza che Pomodoro ha ricevuto da Paul Klee e l'importanza del segno astratto nella sua opera, in esercizi che sono al limite tra il bidimensionale e il tridimensionale.

Trasferitosi a Milano nel 1954, Arnaldo Pomodoro ha fatto parte tra il 1961 e il 1962 - insieme al fratello Giorgio Pomodoro, famoso scultore, orafo e incisore, al pittore e scultore Lucio Fontana e ad altri importantissimi artisti - del gruppo informale Continuità, esperienza che gli ha permesso di affinare il suo modello espressivo creando una sorta di equilibrio tra la geometria delle forme e i meccanismi intrinseci a queste.arnaldo pomodoro

Tra le sue opere, esposte in tutto il mondo, sono famosissime le Sfere di bronzo, che mostrano la perfezione della forma in contrasto con un'interiorità corrosa e decadente, a rappresentare la forza costruttiva e distruttiva dell'uomo che nell'ansia di superare i propri limiti, nella sete di conoscenza può essere causa di dolore e morte. 

Una scrittura sconcertante, allestita presso ill nuovo polo espositivo dedicato a mostre e cultura, adiacente allo studio e agli archivi della Fondazione, sarà ospitata fino al 30 giugno 2013, dal mercoledì al venerdì (dalle 16 alle 19), con ingresso gratuito.

La mostra sarà accompagnata dall'esposizione del primo numero dei Quaderni della Fondazione.

Caterina Vasi

Pin It

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.