• Home
  • EVENTI
  • Brionvega al Fuori Salone: rilancio di un marchio "cult" del design italiano

Brionvega al Fuori Salone: rilancio di un marchio "cult" del design italiano

brionvega-radio-grattacieloLa settimana del Salone del Mobile è in pieno svolgimento a Milano e numerose aziende di design mettono in mostra i propri prodotti nei vari showroom allestiti nei quartieri della città.

Quest'anno una delle novità è la presenza di Brionvega con la collaborazione di Opera Prima col suo showroom situato in via Alessandro Volta. Forse oggi ai giovani dice poco, ma negli anni '60 è stato fra i maggiori marchi di design di apparati audio-video, con la progettazione e lo sviluppo di prodotti quali Radio Cubo e la Radio Grattacielo.

Per l'occasione siamo andati a trovarli nel loro showroom e abbiamo avuto l'opportunità di fare due chiacchiere con Alessandro Cini che si occupa del settore marketing dell'azienda. Riportiamo di seguito l'intervista:

Il vostro marchio è stato un must del design italiano anni '60 e dei successivi decenni. A oggi come vi posizionate sul mercato?

Sicuramente negli ultimi decenni l'azienda ha subito una flessione ed è per questo che nel 2004 Brionvega è stata acquistata da SIM2 Multimedia leader nella produzione e distribuzione di sistemi a videoproiezione. La diversità in alcuni aspetti fra le due società ha reso necessaria la nascita di una terza: Bv, per gestire i prodotti attraverso una strategia di marketing dedicata. L'idea è quella di rilanciare quelli che sono i nostri prodotti di maggior successo attraverso una rivitalizzazione del marchio ed una modernizzazione di esso. Inoltre creare nuovi prodotti che comunque possano rispettare i nostri standard qualitativi. A oggi, attraverso la collaborazione di un noto design inglese, stiamo sviluppando nuove cuffie audio.Radio Singola-1

Qual'è il vostro target di mercato?

Il target resta per lo più quello di persone adulte e in piccola parte giovani appassionati di design. Per questo motivo uno dei nostri obiettivi  è lo "svecchiamento" del marchio.

L'industria audio-video è per la maggior parte in mano al mercato asiatico. Come vi ponete e quali sono le vostre strategie per contrastarlo?

Competere col mercato asiatico oggi è difficile soprattutto per i costi di produzione. Se si vuole puntare ad un ampia fetta di mercato è inevitabile produrre all'estero. La nostra idea è comunque quella di mantenere standard qualitativi alti. Per questo motivo crediamo ancora nel Made in Italy. Ad esempio in questi giorni mettiamo in mostra Radio Cubo Mosaico, edizione speciale di Radio Cubo reinterpretata da Giulio Candussio attraverso inserti di mosaico. Candussio è maestro della scuola mosaicisti del Friuli, una scula unica e di prestigio internazionale.

Avete avuto designer di fama internazionale. Ci sono oggi giovani giovani di talento sui quali puntate o vi affidate solo a designer già avviati?

Puntiamo molto sui giovani. Qualche anno fa c'era stata la collaborazione tra noi e lo IED di Torino. Abbiamo richiesto ai tesisti di immaginare e creare progetti di nuovi prodotti; era stata una bella esperienza ed erano nate idee interessanti collegate ad innovazioni quali Wi-Fi o wireless, ma all'epoca non c'era la capacità e la possibilità di produrre. La possibiltà di una nuova collaborazione è già in serbo e la speranza è che poi i nuovi progetti possano anche diventare belle realtà.

Il salone del mobile ed il fuori Salone sono ottime occasioni per la città di mettersi in mostra e di ottenere un certo risalto. Pensa che sia un occasione ben sfruttata o ci sono delle carenze da colmare?

Senza dubbio è un'ottima occasione per mettere in mostra i prodotti ed avere risalto.  Quello che penso possa essere fatto in più è una maggior collaborazione tra le varie aziende. Si lavora tutti nello stesso campo ma si rimane ognuno per conto proprio. E' un settore dove c'è un pò troppa "gelosia" e la possibilità di fare progetti condivisi viene meno.

Qual'è il motivo della vostra partecipazione e di essere presenti con uno spazio dedicato?

Abbiamo deciso di partecipare perchè stiamo rilanciando il marchio e vogliamo ottenere maggior visibilità. Sabato ad esempio sarà possibile partecipare nel nostro store ad una performance dj-culinaria con la partecipazione dello chef Lorenzo Santi ed i piatti a tema musicale firmati Longplate. Vi aspettiamo!

Pin It

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.