Fenicotteri rosa in centro a Milano

fenicotteri rosa milanoCerto che Milano ha davvero dell’incredibile. E più passano gli anni più me ne devo convincere e soprattutto pubblicizzare questa cosa, mettendo a tacere tutti quei luoghi comuni che si trascina dietro suo malgrado. Rispetto il giudizio del “mi piace / non mi piace”, ma l’incredibilità che essa suscita va appunto oltre.

E’ lo stupore che essa riesce a suscitare in me, sempre piuttosto critica nei confronti di questa città che puntualmente sottopongo ad impietosi confronti con altre capitali “ufficiali o ufficiose” europee (quelle extraeuropee sono talmente diverse che sarebbe come voler sommare i metri ai chili).

Oggi in pausa pranzo passeggiavo in zona corso Venezia per curiosare tra le strane installazioni con cui il Salone del Mobile ha inondato strade, piazze, cortili ma anche vetrine di negozi totalmente slegati da quel mondo eppure disponibili a lasciarsi travolgere in questo evento davvero irriproducibile altrove.

Orbene, mi lascio incuriosire da oggetti strani, costruzioni insolite, percorsi obbligati e poi improvvisamente mi ritrovo davanti al cancello di uno stupendo parco e chi ci scorazza all'interno? Non ci crederete mai, dei fenicotteri! Se volete ammirare di persona queste meravigliose creature dovrete spingervi fino in via Cappuccini, ma ne varrà la pena.

E non penso che siano stati scelti a caso questi animali, perché va bene che si tratta di un “cortile”, ma è pur sempre un cortile extralusso dove mica si possono far scorazzare oche e galline. Volete mettere dei fenicotteri, rosa come vuole il colore di tendenza per questa primavera / estate, e poi slanciati e senza cellulite da degni testimonial di una città modaiola?
E sorprese così sbalorditive ce ne sono parecchie in città, basta essere grandi osservatori, volenterosi camminatori e inguaribili curiosoni. Questo solitamente è il mio approccio quando vado alla scoperta di luoghi nuovi: uscire dai tracciati classici, inoltrarmi in percorsi alternativi, lasciando ai turisti canonici le tappe “obbligate”, e quindi affollate e private pertanto della loro bellezza. Ecco, semmai mi ritaglio delle puntate notturne per fare tappa anche qui e ammirare le bellezze consigliate, in silenzio, con calma, dedicando loro la giusta attenzione.

Ecco, suggerirei di prendere al volo questa occasione del Salone del Mobile per riscoprire una città nuova.
Buona passeggiata.

Pin It

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.