Film polizieschi Milano: anni 70 e 80

Fin dagli inizi del cinema, Milano era stata una tra le locations preferite dai grandi registi come ambientazione di alcuni film fondamentali del cinema italiano, come Gli uomini che mascalzoni con Vittorio de Sica, Ratatataplan di Maurizio Nichetti, Il caso Mattei con Gian Maria Volonté, Rocco e i suoi fratelli di Visconti, Miracolo a Milano di De Sica.

Ma il periodo in cui Milano divenne uno dei set più utilizzati dai cineasti italiani è quello che copre gli anni 70 e 80, quando numerosi registi utilizzarono i vicoli e le piazze della città come sfondo per inseguimenti e omicidi. Ecco una piccola carrellata di questi film con immagini relative ai set in cui sono state girate.

banditi a milano Banditi a Milano (1968) di Carlo Lizzani, con Don Backy, Gian Maria Volonté, Ray Lovelock, Tomas Milan e Carla Gravina.

Il torinese Piero Cavallero fonda una banda criminale con tre amici allo scopo di rapinare tre banche una dietro l’altra, ma il 5 settembre 1967 la rapina al Banco di Napoli, nel centro di Milano, finirà nel sangue, scatenando una spietata caccia all’uomo.

Via Ippolito Nievo, all’angolo di Via Panzini

 

I ragazzi del massacro (1969) di Fernando Di Leo, con Pier Paolo Capponi, Renato Lupi , Susan Scott e Giuliano Manetti.

Duca Lamberti indaga su una classe di giovani studenti della buona borghesia milanese che hanno stuprato ed ucciso la loro insegnante, trovandosi a combattere contro un muro di omertà.

Via Salvini

ragazzi del massacro
venere privata

Il caso "venere privata" (1970) di Yves Boisset, con Bruno Cremer, Renaud Verley, Raffaella Carrà e Marianne Comtell.

L’ex medico Duca Lamberti viene incaricato di aiutare il figlio di un ricco imprenditore milanese che si sente responsabile per il suicidio di una ragazza, ma la verità si rivelerà essere molto diversa.

Ripa di Porta Ticinese , Alzaia Naviglio Grande

La morte risale a ieri sera (1970) di Duccio Tessari, con Frank Wolff, Raf Vallone, Eva Renzi e Gigi Rizzi.

L’ispettore Duca Lamberti indaga sulla scomparsa di Donatella, una ragazza con problemi mentali che rischia di venire avviata alla prostituzione. Ma il padre della giovane, deluso dalla polizia, decide di vendicarsi a modo suo.

Via Govone, altezza civico 37

la-morte-risale-ieri-sera
milano-calibro9

Milano calibro 9 (1972) di Fernando De Leo, con Gastone Moschin, Barbara Bouchet, Mario Adolf, Luigi Pistilli, Ivo Garrani e Philippe Leroy.

Appena uscito dalla galera, il bandito Ugo Piazza si trova coinvolto in uno scontro tra la sua ex banda e la polizia, che stanno cercando il bottino di una vecchia rapina.

Torre Branca,  Parco Sempione da Viale Cervantes

La mala ordina (1972) di Fernando De Leo, con Mario Adolf, Henry Silva, Woody Strode, Adolfo Celi e Luciana Paluzzi.

Il mafioso Luca Canali, accusato ingiustamente di aver rubato della droga, viene braccato da due sicari intenzionati ad ucciderlo. Ma dopo che muoiono per sbaglio la moglie e la figlia, Canali decide di vendicarsi.

Alzaia Naviglio Grande

mala ordinaria

milano trema

Milano trema: la polizia vuole giustizia (1973) di Sergio Martino, con Luc Merenda, Richard Conte, Silvano Tranquilli e Martine Brochard.

Il commissario Caneparo, che crede nelle maniere forti, viene radiato e decide di infiltrarsi nella banda del misterioso Padulo, dove scoprirà delle trame evesive ai piani alti del potere.

Largo Gemito

Milano odia: la polizia non può sparare (1974) di Umberto Lenzi, con Tomas Milian, Henry Silva, Laura  Belli e Ray Lovelock.

Il delinquente di mezza tacca Giulio Sacchi decide di compiere un’impresa sensazionale rapendo la figlia di un industriale, dando inizio a una serie di tragici eventi. L’unico che cerca di fermarlo è il commissario Grandi.

Corso Sempione

milano-odia

giustiziere-sfida-citta

Il giustiziere sfida la città (1975), di Umberto Lenzi, con Tomas Milian,  Joseph Cotten,  Evelyn Stewart e Maria Fiore.

Per vendicare la morte di un amico, il motociclista Rambo cerca di salvare un bambino rapito mettendo l’una contro l’altra due bande criminali milanesi.

Alzaia Naviglio Grande

Liberi armati pericolosi (1976) di Romolo Guerrieri, con Stefano Patrizi, Benjamin Lev, Max Delys, Eleonora Giorgi e Tomas Milian.

Tre ragazzi della Milano borghese, dopo aver rapinato una banca, tentano una fuga impossibile nel pavese, assieme alla ragazza di uno di loro.

Via Dante

liberi armati pericolosi
 milano-violenta

Milano violenta (1976) di Mario Caiano, con Claudio CassinelliSilvia Dionisio, Elio Zamuto e Vittorio Mezzogiorno.

Dopo essere stato dato per morto dai suoi complici, il criminale Raul Montabani detto “Il Gatto” cerca vendetta, con l’aiuto di una prostituta e braccato dalla polizia.

Viale Col di Lana 8

San Babila ore 20 un delitto inutile (1976) di Carlo Lizzani, con Daniele Asti, Giuliano Cesareo,  Pietro Brambilla e Pietro Giannuso.

A Milano un gruppo di giovani fascisti non esitano a compiere una serie di crimini, come omicidi e rapine, pur di vivere al massimo. Ma uno di loro non ci sta.

Liceo Classico Beccaria, Via Linneo

san babila 1

cinico

Il cinico, l'infame, il violento (1977) di Umberto Lenzi, con Maurizio Merli, Tomas Milian, John Saxon e Renzo Palmer.

L’ispettore Tanzi, cacciato dalla polizia per i suoi metodi poco ortodossi, cerca di mettere l’uno contro l’altro il Cinese e Di Maggio, capi della mafia romana, tra Roma e Milano.

Piazza Mercanti

 

Pin It

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.