• Home
  • ARTE
  • Ottocento Veneto. Da Favretto a Zandomeneghi

Ottocento Veneto. Da Favretto a Zandomeneghi

ottocento veneto milanoAmanti della pittura e non solo fino al 31 maggio alla Galleria Bottegantica di Milano (via Manzoni, 45) c’è una mostra, a ingresso gratuito, per voi. Esposte 36 opere realizzate dai maggiori artisti veneti del XIX secolo: Bartolomeo Bezzi, Beppe, Emma e Guglielmo Ciardi, Angelo Dall’Oca Bianca, Giacomo Favretto, Pietro Fragiacomo, Cesare Laurenti, Alessandro Milesi, Luigi Nono, Ettore Tito, Federico Zandomeneghi, provenienti da importanti collezioni private, illustrano in modo esaustivo le tematiche ricorrenti nella pittura italiana dell‘800, fra cui le scene di genere, il paesaggio e la ritrattistica.

In mostra potete visionare opere come Dopo il viaggio(1873) di Giacomo Favretto, la raffinata atmosfera dell’Alba (1895 ca) di Pietro Fragiacomo e il pathos del Mattino (1892) di Luigi Nono. Suggestioni e rappresentazioni di vita quotidiana in capolavori quali Fantasticando e In pinacoteca (1895 ca) di Giacomo Favretto e Il racconto della nonna di Alessandro Milesi. Vedute paesaggistiche sono invece protagoniste nei dipinti di Beppe e Guglielmo Ciardi, Pietro Fragiacomo, Bartolomeo Bezzi nelle quali si può scorgere quasi un’atmosfera lirica, intima, malinconica e volutamente alternativa a quella della tipica visione che negli anni Ottanta.

Concludono idealmente la rassegna Thecle (1905-10) di Federico Zandomeneghi e le vedute di Londra e Monaco di Baviera di Guglielmo Ciardi, opere che testimoniano la qualità raggiunta dalla pittura veneta già a fine Ottocento, confermata dal successo decretati sia dal pubblico sia dalla critica del tempo. internazionale le avevano decretato.

La mostra vuole inoltre essere un omaggio a Milano e alla Lombardia che ha visto nascere le più importanti e prestigiose collezioni dell'arte del XIX secolo come la Collezione Jucker, la raccolta Ingegnoli, la Carraro-Rizzoli, la Finazzi e molte altre non meno influenti. Un tipo di collezionismo cresciuto anche grazie al lavoro di autorevoli gallerie milanesi della prima metà del XX secolo, come la Pesaro, la Scopinich, la Dedalo e la Galleria dell'Esame, che furono tra le prime ad allestire le prime monografiche sulla pittura veneta dell'Ottocento a Milano.

Bottegantica
via Manzoni 45 Milano
Informazioni: tel. 02.62695489 / 051.331388

 
Pin It

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.