• Home
  • COSTUME
  • Shinobu, lo sciuscià che viene dal Giappone

Shinobu, lo sciuscià che viene dal Giappone

 scarpe
Forse Vittorio de Sica, dalla stella dove sicuramente continua a girare, guardando giù, verso Milano si è accorto di Shinobu. L’ambientazione è diversa da quella del suo lustrascarpe, ma De Sica conosce bene Milano e sicuramente da lassù è incuriosito da una scena già vista.
Shinobu, ragazzo giapponese di ventisei anni, gira per Milano in tenuta leggera, sembra quasi un turista fai-da-te, ma non è un turista,  gira per le vie di Milano con una scatola di legno e porta con sé  anche un cartello: «Pulisco scarpe in pelle, 2 euro». Uno «sciuscià» anni duemila, ma la sua storia è diversa.
Nel suo paese svolgeva la professione di sarto, ma desideroso di girare il mondo, ha lasciato il suo lavoro ed è partito.
Shinobu racconta la sua storia in un inglese un po’ approssimativo, fa quasi tenerezza.
Prima di partire racconta di aver risparmiato un po’ di denaro per i voli e l’alloggio e arrivato in Italia, avendo già girellato prima per Roma, poi per Firenze,è quindi approdato nella nostra Milano. Si guadagna di che vivere pulendo le scarpe, soprattutto quelle dei turisti; i suoi piccoli affari sono andati bene a Roma, meno a Firenze e ora spera nella nostra Milano. Magari lo incontreremo presso la stazione o in galleria.
Certo lui non sa che non è proprio la stagione ideale: le signore portano sandali apertissimi che da lucidare hanno ben poco, ma se possiamo dargli un consiglio, deve appostarsi vicino alla borsa, al tribunale, agli uffici della regione. Da quelle parti i signori uomini in giacca e cravatta potrebbero essere  i suoi clienti ideali.
E’ una storia simpatica, quasi da non credere: il Giappone, quasi dall’altra parte del mondo, e questo ragazzo un po’ intraprendente e un po’ incosciente, venuto nel nostro Paese, così, un po’ all’avventura.
Il parallelo che si può fare col grande film di De Sica fa riflettere sulla possibilità che le persone danno a se stesse: materializzare i propri progetti anche quando sembrano quasi irrealizzabili.
 

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.