• Home
  • CRONACA
  • Bando per l'assegnazione di nove immobili a Milano

Bando per l'assegnazione di nove immobili a Milano

Per agevolare l'avvio di nuove imprese e, nello stesso tempo, valorizzare beni di proprietà comunale il Comune di Milano mette a bando nove immobili collocati in diverse zone della città, sia centrali che periferiche. Infatti, il 22 ottobre 2013, alle ore 10, presso la sede del Comune di Milano - Settore Demanio e Patrimonio (via Larga 12), avrà luogo un’asta pubblica per l’assegnazione in locazione delle unità immobiliari, per cui potete presentare le vostre offerte entro le ore 10 di questa data.

Gli spazi da assegnare in locazione (oltre 6.500 metri quadri) sono destinati a diversi tipi di attività e sono: cinque negozi (situati in viale Pasubio 14, sotto la pensilina della stazione ferroviaria Cadorna, in via De Predis 9, in via Montecassino 9 e in via Bezzecca 4), un deposito (in via Appennini 169), un laboratorio (via Strabone 12), un'autorimessa (via Guerzoni/Butti), un'area ad uso parcheggio (via Bernina 21).

Grazie a precedenti bandi come questo, sono già stati aperti negozi di vario genere come alimentari, bar, ristoranti e studi professionali e sono stati assegnati spazi a canone scontato alle librerie, per tutelare un settore di rilevanza sociale e culturale per la città.

Alla gara possono partecipare persone fisiche maggiorenni alla data della scadenza del bando e persone giuridiche che non si trovino in situazioni che comportino la perdita o la sospensione della capacità di contrattare con la Pubblica Amministrazione. I cittadini extracomunitari dovranno essere in possesso di regolare permesso/carta di soggiorno.

Gli immobili possono essere visitati alla presenza di tecnici rispettando le date in calendario, basta recarsi sul posto senza dover prendere appuntamento. Coloro che vogliono partecipare al bando, prima di presentare la domanda dovranno costituire, pena l’esclusione, un deposito cauzionale provvisorio infruttifero corrispondente al 10% del canone annuale a base d’asta, a garanzia delle obbligazioni assunte con la partecipazione alla gara e conseguenti adempimenti, in caso di aggiudicazione.

Da precisare che nelle unità immobiliari sono vietate le seguenti attività: sexy shop, money transfer, phone center, sala giochi, centro massaggi, take away e kebaberie, agenzia di scommesse e attività che possano prevedere la realizzazione di nuovi condotti di aspirazione/ventilazione esterni.

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.