Come proteggersi dai primi freddi

freddoCome proteggersi dai primi freddi

L'inverno è lontano, ma i primi freddi iniziano a farsi sentire. Non è quindi troppo presto per iniziare a proteggere viso e mani dalle intemperie imminenti.
Durante la stagione fredda sono proprio viso e mani a risentire degli effetti del clima, essendo le parti del corpo che restano maggiormente esposte.
I problemi cui va incontro la pelle se esposta senza protezione durante i periodi freddi sono: disidratazione e arrossamento permanente.

Cosa fare?

Proteggere le mani con crema mani e guanti

Proteggere le mani è importante. Le usiamo praticamente per tutto, le laviamo spesso con acqua troppo fredda o troppo calda, a volte usando detergenti troppo aggressivi: la pelle ne risente.

Buona consuetudine è mettere una buona crema protettiva prima di andare a dormire e prima di uscire da casa. La crema mani non solo svolge la sua attività di protezione della pelle e rilascio dei principi che contiene, ma come un sottile guanto avvolge la mano e la protegge dal freddo. Indossare anche i guanti è un accorgimento importante.
In inverno la pelle delle mani è soggetta a screpolature più che durante i mesi caldi. Il freddo provoca una reazione nella pelle che si difende con la secrezione di sebo.
Avete presente la pelle d’oca? In quel momento piccolissimi muscoli (detti pilo erettori) stanno alzando il pelo e nello stesso tempo spremono la o le ghiandole sebacee annesse al pelo. Il sebo spremuto viene rilasciato sulla superficie e protegge, in questo modo, come un piccolo strato protettivo.
Nei periodi freddi questo fenomeno è molto più frequente che in estate.
Ok quindi all’uso di creme mani e ok a guanti, sciarpe e cappelli.

Proteggere il viso con la crema viso adatta

Coprire il viso in inverno risulta particolarmente complicato. Ok alla sciarpa tirata fin sugli occhi o al cappello tirato fin giù sulla fronte. Non è abbastanza, il viso è la parte del corpo più difficile da proteggere durante i mesi freddi. Niente paura, prima di uscire da casa ricordarsi di usare la crema viso adatta al proprio tipo di pelle.

Il freddo provoca sui vasi sanguigni un fenomeno detto vasocostrizione che altro non sarebbe che la restrizione dei vasi sanguigni. Nel momento in cui si torna al caldo avviene il contrario, i vasi sanguigni si dilatano. A lungo andare questa alternanza di vasocostrizione/vasodilatazione può agevolare l’insorgere della cosiddetta couperose. La couperose è un arrossamento permanente del viso, in particolare colpisce ampia porzione delle guance. Osservando da vicino è possibile notare come piccolissimi capillari siano visibili sulla superficie della pelle. Tali capillari, a causa dei ripetuti sbalzi di temperatura e quindi a causa di continue dilatazioni e costrizioni, hanno perso questa loro elasticità rimanendo perennemente dilatati. Questo è il motivo per il quale sono così ben visibili in superficie. La pelle con couperose è molto sensibile ed esistono creme viso appositamente formulate.

 

Leggi anche:

Rallentare l'invecchiamento cutaneo: Primi passi

 
Pin It

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.