• Home
  • CINEMA
  • Rassegne cinema Milano: RiVediamoli all’Apollo e all’Anteo

Rassegne cinema Milano: RiVediamoli all’Apollo e all’Anteo

Il meglio di due stagioni davvero ricche di film bellissimi a un prezzo stracciato: questa la proposta degli storici cinema milanesi Apollo (Galleria de Cristoforis, 3) e Anteo (via Milazzo, 9), che a partire da martedì 1 ottobre fino a giovedì 27 marzo 2014, ospiteranno la rassegna “RiVediamoli”.

Tantissimi i film in cartellone, da “Il fondamentalista riluttante” a “Sacro Gra”, da “Il caso Kerenes” a “Confessions”, fino al “Grande Gatsby”e a “La grande bellezza”: una programmazione che accontenterà sia gli amanti del cinema d’autore che chi ha perso i grandi blockbusters e vuole viverne la magia sul grande schermo.

Il costo del biglietto è davvero abbordabile: 2.70 euro, in pratica un terzo del prezzo consueto.

Ad aprire la manifestazione all’Apollo “Viaggio sola” di Maria Sole Tognazzi, film uscito ad aprile e che a Milano è stato proiettato per ben 5 mesi al Cinema Mexico. Si tratta di una sorpresa per il cinema italiano: un’opera che, a dispetto del budget basso, è riuscita a conquistare, e ancora vince, molti premi importanti. Ci riferiamo riconoscimento come migliore commedia ai Nastri d’Argento e al David di Donatello e al Kinéo Rai Trade a Margherita Buy come migliore attrice, nei panni di una ispettrice di hotel alle prese con la solitudine.

Giovedì 3 ottobre si inaugura, invece, la programmazione all’Anteo con “Il figlio dell’altra”, la storia di Joseph che mentre si appresta a svolgere il servizio militare presso l’esercito israeliano, Joseph scopre di non essere il figlio biologico dei suoi genitori, ma di una coppia palestinese. A sua volta, Yacine Al Bezaaz, che vive in Palestina nei territori occupati della Cisgiordania, è figlio dei suoi genitori: i due sono stati scambiati da bambini. Tale scoperta getta nel panico le due famiglie, culturalmente molto distanti, che provano ad avvicinarsi. Ma le "questioni politiche" superano il buon senso, e i due padri finiscono per scontrarsi per il dolore che entrambi i rispettivi popoli stanno soffrendo. I due ragazzi, Joseph e Yacine, si ritirano in giardino provando a domandarsi alcune cose sulla loro identità e sul loro destino.

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.