• Home
  • ARTE
  • Maurice Henry in mostra a Milano

Maurice Henry in mostra a Milano

“Le incantevoli caricature di Maurice Henry attingono la loro forza dal contrasto tra un certo conformismo del disegno e la freschezza della didascalia. Il riso è provocato dal precipitare della realtà nel sogno. É un riflesso originalissimo della nostra epoca”.
 
Jean Cocteau
 
 
Dopo la mostra tenutasi a Parigi lo scorso aprile, arriva dall’8 ottobre al 2 novembre 2013, alla Galleria Cortina Arte di Milano, Parigi-Milano, viaggio di un surrealista, esposizione dedicata all’artista surrealista Maurice Henry.
 
Maurice Henry (1907-1984) fu un artista a tutto tondo che seppe anticipare anche alcune tendenze artistiche del secondo Novecento. Nato a Cambrai, nel Nord della Francia, sin da giovanissimo, Henry manifesta una spiccata predisposizione al disegno che lo porta a frequentare fin dai cinque anni di età i primi studi nella sua città. Dal 1927 si trasferisce Parigi, dove, grazie anche all’incontro con Andrè Breton, Jacques Prévert, Roger Vitrac, inizia a sviluppare il suo spirito surrealista.
 
Gli anni successivi sono molto intensi e Henry svolge diverse attività, come giornalista e critico d’arte per numerose riviste, redattore e reporter, critico cinematografo a cui aggiunte l’attività artistica con i surrealisti, l’operato di vignettista sia per libri che per quotidiani e, in seguito, la carriera di cineasta.
 
Dopo aver abbandonato il gruppo dei surrealisti nel 1951 per divergenze con André Breton, nel 1968 Maurice Henry decide di trasferirsi a Milano anche a causa della sua relazione con Elda Zanetti, un’affascinante signora milanese che diventerà sua moglie.
 
Durante il periodo milanese l’artista decide di dedicarsi totalmente alla pittura e inizia così un nuovo periodo della sua vita. Come ricorda Guido Peruz, artista e amico del surrealista, Maurice Henry: “Quando è giunto a Milano ha avuto una seconda giovinezza, ritrovando una nuova stagione artistica, ricostruendo tutta la sua storia artistica e trasferendo in pittura quelli che erano i suoi disegni più importanti degli anni 30”. Con alle spalle una carriera di successi e riconoscimenti, Maurice Henry morirà poi nel 1984.
 
L’esposizione Parigi-Milano, viaggio di un surrealista, a cura di Susanne Capolongo e Stefano Cortina, permetterà di ammirare diverse opere pittoriche di Maurice Henry a cui si aggiungono acquerelli, chine e una serie di serigrafie e di ripercorrere tutti gli anni di una vita artistica il cui cardine fu il surrealismo.
 
La mostra, a ingresso libero, verrà inaugurata martedì 8 ottobre alle ore 18.30 e in quest’occasione la professoressa Nelly Feuerhahn, grande amica di Maurice ed Elda Henry, presenterà una testimonianza sul periodo in cui l’artista visse tra Parigi e Milano.
 
Per maggiori informazioni:
Associazione Culturale Renzo Cortina, Via Mac Mahon 14/7, Milano
Tel: 0233607236
 
Orari:
Tutti i giorni 10.00-12.30  e 16.30-19.30.
Chiuso lunedì mattina e domenica.
Ingresso libero.
Pin It

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.