• Home
  • MOSTRE
  • Adrian Paci. Vite in transito al Pac - Padiglione Arte Contemporanea Milano

Adrian Paci. Vite in transito al Pac - Padiglione Arte Contemporanea Milano

Opere realizzate a partire dalla metà degli anni '90 fino alla produzione più recente con la nuova opera The Column (2013), in un percorso in cui dipinti, fotografie e video vedono la figura umana occupare un ruolo primario diventando fulcro di narrazione, immaginazione e speranza: sono questi gli ingredienti della mostra Vite in Transito di Adrian Paci, anticipata nella programmazione 2013 del Pac di Milano in corso fino al 6 gennaio 2014.

adrian-paci-vite-in-transito-pac-padiglione-arte-contemporanea-milano 8I lavori di Adrian Paci inizialmente erano sviluppati a partire dalla propria esperienza personale, coniugando narrazione, rigore formale e riflessione sociale, e offrendo una visione completa delle trasformazioni politiche e umane cui sono andati incontro i paesi dell’ex blocco sovietico dopo la caduta del Muro di Berlino; qui il tema dell’immigrazione si unisce alla riflessione sul ruolo delle immagini nel raccontare le nostre esistenze. L’artista negli anni si è soffermato su tematiche quali l’idea della perdita, l’abbandono della propria terra, del movimento delle persone nello spazio e nel tempo e la ricerca di un’altrove geografico e di conseguenza umano. Il percorso espositivo parte con gli acrilici su bobina di legno (I Racconti di Canterbury, 2010) e la serie pittorica di gouaches montate su tela Secondo Pasolini (Decameron, 2006), un omaggio all’affinità tra la produzione del regista italiano e la pittura; seguono una serie di acquerelli che fanno parte di The Wedding e la serie di disegni su carta Passages.

Si prosegue con una serie di video come The Encounter (2011) video che ritrae l’artista mentre con una stretta di mano entra in contatto con il pubblico, per poi giungere ai volti dei fedeli raccolti di fronte all’icona sacra di pilgrIMAGE (2005) fino a Vajtojca (2002) nel quale i lamenti della prefica celebrano il passaggio dalla morte alla vita.

Una sala è dedicata alla nuova opera filmica The Column, metafora che unisce temi come la de-localizzazione del lavoro, il confronto tra culture e la trasformazione delle tradizioni; il video è un racconto che descrive l’estrazione di un blocco di marmo da una cava cinese e la sua successiva lavorazione che avviene in mare, nella forma di una colonna in stile classica. Questa è realmente visibile perchè collocata nello spazio che si affaccia sul giardino, un elemento scultoreo e narrativo al tempo stesso.

Negli altri spazi vi trovate Inside the Circle (2011), un video in cui una donna nuda guida un cavallo bianco a simboleggiare la simbiosi tra uomo e animale e Centro di Permanenza Temporanea (2007) in cui degli uomini sono in marcia verso un aereo pronto a decollare, ma che non lo farà mai.

Al primo piano invece, Giovanni De Lazzari, artista formatosi con Paci durante gli anni all’Accademia di Belle Arti di Bergamo, ha concepito un intervento artistico realizzato attraverso la selezione di materiali, per lo più inediti che raccontano gli esordi della carriera dell’artista approfondendone la dimensione delle fonti e il loro montaggio all’interno del discorso espositivo.

Mostra: Adrian Paci. Vite in transito      ottobre 2013 -  6 gennaio 2014
PAC Padiglione d’Arte Contemporanea
via Palestro 14, Milano
Orari:
Lunedì: ore 14:30 – 19:30
martedì - domenica: ore 9:30 - 19:30
giovedì: ore 9:30 - 22.30 (ultimo ingresso un’ora prima della chiusura)
Biglietti:
intero: € 8
ridotto € 6,50 (ragazzi dai 6 ai 26 anni, over 65)

Leggi anche:

Copyright © 2006 - 2019 MilanoFree.it, testata registrata Trib. Milano n. 367 del 19/11/2014  IT13181390157 MILANO TORINO PAVIA RIMINI