• Home
  • MOSTRE
  • Una mostra per ricordare la centenaria storia del Museo della Scala

Una mostra per ricordare la centenaria storia del Museo della Scala

Conosciuta in tutto il  mondo, ambito palcoscenico di musicisti e cantanti lirici, il Teatro alla Scala di Milano, collocato nella celebre piazza, possiede un ricchissimo museo ormai centenario. In attesa della Prima del 7 dicembre che con La Traviata di Giuseppe Verdi, parte della Trilogia, vede l'inaugurazione della Stagione 2013 / 2014, fino al 31 dicembre nel Museo della Scala di Milano è ospitata la mostra “1913 - 2013. Un tesoro centenario”.

tesoro-centenario-museo-teatrale-della-scala-milanoUn percorso espositivo esclusivamente dedicato all’esposizione di una serie di documenti preziosi sulla storia dello storico teatro milanese, tra i quali si può ammirare il manoscritto autografo della Messa da Requiem di Giuseppe Verdi, oltre a una sezione multimediale e a una preziosa collezione di 150 volumi da consultare, curato da Vittoria Crespi Morbio.

Quattro le sezioni nelle quali si suddivide la mostra: La nascita dal Museo, che ne descrive la nascita e l’evoluzione degli spazi espositivi; Gli autografi di VerdiWagner nella collezione del Museo, che ospita figurini e bozzetti dei vari allestimenti ospitati dalla Scala delle opere wagneriane, oltre a una lettera autografa del compositore tedesco ad Arrigo Boito; I protagonisti, gli autografi, che analizza la storia dell’opera lirica da Cimarosa fino ad arrivare a Berlioz e Puccini.

Le origini del Museo risalgono al 1911, quando l’antiquario Sambon mise all’asta una serie di cimeli rarissimi sul teatro e sull’opera lirica, che ben presto finirono al centro di una contesa tra il magnate John Pierpont Morgan, che avrebbe voluto istituire un museo teatrale nella Metropolitan Opera di New York e un gruppo di esponenti della borghesia milanese e del modo musicale, tra cui Umberto Giordano e Enrico Caruso, desiderosi di  fondare un museo teatrale a Milano con il sostegno del governo e del re Vittorio Emanuele III.

Alla fine il gruppo italiano ebbe la meglio e l’8 marzo 1913 venne inaugurato il Museo Teatrale alla Scala presso l’ex Casinò Ricordi vicino al Teatro.

Col passar del tempo il museo ha accresciuto le sue collezioni, diventando cosi un patrimonio inestimabile per i cultori e i collezionisti ed è visitato da ben 250 mila persone l’anno, arrivando al secondo posto tra gli spazi espositivi di Milano, dopo il CenacoloTra i vari lasciti è da ricordare quello della Casa di riposo Giuseppe Verdi.

Annessa al Museo una biblioteca di oltre 150.000, di cui ben 54.000 donati nel 1952 dal critico e giornalista del Corriere della Sera Renato Simoni, che chiese che la raccolta fosse intitolata  alla memoria di sua madre Livia.

Il libro più antico  racconta le memorie di Plauto ed è databile al 1511, stampato a Venezia da Lazzaro Sardi. E’ inoltre presente un archivio ricchissimo di bozzetti, locandine, figurini, libretti d’opera e 30 manoscritti musicali di opere complete. La consultazione di questi preziosissimi documenti è solo su prenotazione.

1913 - 2013. Un tesoro centenario

Dal 1 ottobre al 31 dicembre 2013

Museo Teatrale alla Scala
Largo Ghiringhelli, 1
Orari:
Tutti i giorni dalle 9 alle 12.30 e dalle 13.30 alle 17. 30
Ingresso:
Intero 6 euro, gruppi  4 euro, scuole a 2.50 euro
 
Leggi anche:

Dalla Fondazione Stelline all'Accademia di Brera: Josef Alberts a Milano

Identità artefatte. L'empatia degli sguardi nei dipinti di Dario Ballantini

Generazioni di Robot si mostrano da Wow - Spazio Fumetto di Milano

Copyright © 2006 - 2019 MilanoFree.it, testata registrata Trib. Milano n. 367 del 19/11/2014  IT13181390157 MILANO TORINO PAVIA RIMINI