• Home
  • MOSTRE
  • Man Ray. Models. In mostra a Milano ritratti femminili del grande fotografo americano

Man Ray. Models. In mostra a Milano ritratti femminili del grande fotografo americano

man-ray-models-fondazione-marconi-milano-fotografia"Ogni opinione è transitoria, ogni opera è permanente"
(Copley Gallerys, Beverly Hills 1948)

In occasione della recente pubblicazione del volume Man Ray. Models edito da Carlo Cambi Editore, alla Fondazione Marconi Arte Moderna e contemporanea di Milano approda la mostra dal titolo omonimo. L'esposizione si basa su un album fotografico di ritratti femminili che Man Ray ha iniziato a comporre tornato negli Stati Uniti dopo il suo periodo Parigino.

Lo storico fotografo americano difatti nel 1921 si trasferì a Parigi per lavorare e vivere ed ivi vi rimase sino al 1940. Nella Ville Lumière risedette nel quartiere di Montparnasse, frequentato all'epoca da numerosi artisti ed intellettuali. Lì non solo ebbe l'occasione di conoscere personaggi storici come Salvador Dalì, Pablo Picasso  e Joan Matisse, ma strinse anche relazioni amorose con donne affascinanti. La sua prima importante liason d'amore del perido parigino fu con la ventenne Alice Prin, divenuta poi celebre attrice e ballerina con lo pseudonimo di Kiki de Montparnasse. Nel 1929 intraprese  una relazione con Lee Miller fotografa americana, mentre nel 1934 conobbe Meret Oppenheim artista surrealista di origine tedesca.

Queste tre donne sono tra le più celebri immortalate nude dalla macchina fotografica di Man Ray nel suo album. Tra gli scatti si potranno notare varie sue sperimentazioni e giochi visivi. Vi è l'uso della tecnica della solarizzazione nelle fotografie che ritraggono Lee Miller, vi è una foto mezzo busto di una donna con lunghi guanti neri che nell'immagine diventa quasi la personificazione della Venere di Milo. Presenti inoltre numerose foto di ballerine di Can Can esotiche e di donne di cui non si conosce l'identità. L'album si chiude con una foto di una giovane in costume da bagno in posa sul balcone di quella che probabilmente era la dimora estiva del fotografo, e dietro di ella il panorama di una località balneare.

Delle foto destinate solamente ad essere ricordi personali diventano così, attraverso questa mostra, note al grande pubblico e ci mostrano qualora ce ne fosse stato bisogno le immense doti  artistiche di uno dei più grandi fotografi del secolo scorso.

Edoardo

Man Ray. Models

dal 15 novembre 2013 all'11 gennaio 2014

Fondazione Marconi
Via Alessandro Tadino,  15
Orario: martedì - sabato 10-13, 15-19
Ingresso libero

Leggi anche:

Dalla Fondazione Stelline all'Accademia di Brera: Josef Alberts a Milano

Una mostra per ricordare la centenaria storia del Museo alla Scala

Identità artefatte. L'empatia degli sguardi nei dipinti di Dario Ballantini

Copyright © 2006 - 2019 MilanoFree.it, testata registrata Trib. Milano n. 367 del 19/11/2014  IT13181390157 MILANO TORINO PAVIA RIMINI