• Home
  • MOSTRE
  • Lewis Hine; a Milano il padre della fotografia sociale

Lewis Hine; a Milano il padre della fotografia sociale

 lewis-hine-centro-culturale-milano-mostreIn correlazione con l'Autunno Americano milanese, provenienti dalla collezione privata Rosenblum, dal 20 novembre al 2 febbraio 2014, il CMC - Centro Culturale di Milano ospita la mostra "Lewis Hine, la costruzione di una nazione".

Ci sono persone del passato che per un qualche motivo sono entrate nella storia e di cui si può leggere intere biografie. Di esse si conosce  ciò che hanno fatto ma molte si fa fatica ad  identificarle con un volto. Ci sono poi persone di cui non si conosce il nome nè la storia ma che sono diventate a loro modo celebri, poichè immortalate in uno scatto fotografico.  Le persone di Lewis Hine sono coloro che hanno contribuito, tramite la loro forza lavoro, a rendere gli Stati Uniti una superpotenza mondiale.

La straordinaria capacità di far trasparire attraverso uno scatto, la totale abnegazione per il loro lavoro di operai che costruivano l'Empire State Building in bilico su travi ad altezze vertiginose, o di bambini sfruttati nei campi di cotone o nelle miniere, è ciò che ha reso l'americano Lewis Hine il padre della fotografia sociale.

La mostra al CMC si può suddividere in tre parti: la prima dedicata alle fotografie sui migranti appena sbarcati ad Ellis Island, la seconda dedicata alle foto di denuncia al lavoro minorile e a cottimo e la terza dedicata ai lavoratori in fase di costruzione dell'Empire State Building.

L'esposizione non solo ci mostra attraverso le immagini la realtà dei lavoratori dei ceti bassi nei primi del '900, ma ci porta con la mente a situazioni recenti. Infatti un legame con il presente c'è ed è forte. Le immagini degli immigrati italiani ad Ellis Island, ci portano alla mente gli sbarchi di Lampedusa o i sempre più numerosi giovani che cercano fortuna all'estero. Per quanto riguarda il lavoro minorile ancora oggi purtroppo sono molti i bambini sfruttati. Gli operai sull'Empire State Building ci portano invece alla mente una realtà del tutto milanese: il Centro Direzionale e la vera prima area della città di grattacieli. Guardando le gru e gli operai si potranno notare alcune differenze nelle modalità di lavoro rispetto all'epoca di Hine.

Edoardo

Lewis Hine. Costruire una nazione. Geografia umana e ideale.

Dal 20 novembre al 2 febbraio 2014

CMC - Centro Culturale di Milano
Via Zebedia, 2
Orari: da lunedì a venerdì, 10-13 / 15-18 - sabato e domenica, 16-20
Ingresso libero

Leggi anche:

Man Ray. Models. In mostra a Milano ritratti femminili del grande fotografo americano

Dalla Fondazione Stelline all'Accademia di Brera: Josef Alberts a Milano

Una mostra per ricordare la centenaria storia del Museo alla Scala

Pin It

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.