Opera di Verdi a Palazzo Moriggia

Nell’ambito delle manifestazioni Verdi a Milano, Milano per Verdi si propone una mostra particolare giunta a Milano per presentare le complicate, ma proficue relazioni che intercorsero tra Verdi e Boito.

Dal 7 novembre fino al 9 dicembre, le sale di Palazzo Moriggia, sede del Museo del Risorgimento di Milano, ospitano l'esposizione itinerante “L’impresa Opera. Verdi, Boito, Ricordi” curata dallo studioso verdiano Gabriele Dotto e promossa dalla multinazionale tedesca Bertelsmann, che possiede l’archivio storico Ricordi, dalla stessa Ricordi & C. e dal Comune di Milano con il contributo del MIBACT - Ministero dei Beni e delle Attività culturali e del Turismo, che arriva nel capoluogo lombardo dopo le tappe di Berlino e Gutersloh.

impresa-opera-verdi-boito-mostra-palazzo-moriggia-museo-risorgimento-milanoCuore del percorso espositivo è l’analisi del tormentato rapporto che legò lo scrittore e librettista Arrigo Boito, membro della Scapigliatura Milanese, a Giuseppe Verdi, che verso la fine dell’Ottocento era considerato uno dei più grandi musicisti viventi europei.

Nel 1881 Verdi chiese al giovane scrittore di lavorare alla rielaborazione del libretto del Simon Boccanegra, una delle opere giovanili del Cigno di Busseto, incarico che Boito svolse con maestria, tanto che il suo lavoro non offuscò quello precedente condotto da Francesco Maria Piave nel 1855.

Sembrava che tutto fosse finito lì e invece nel 1885 il grande compositore contattò l’ormai affermato scrittore per chiedergli di collaborare con lui alla stesura dell’Otello, che segnava il ritorno di Verdi sulle scena dopo Aida.

Pur tra contrasti e litigi, il 5 febbraio 1887 il palcoscenico della Scala di Milano ospitò la prima dell’Otello, che da subito ottenne un grandissimo successo, grazie anche alla sinergia tra le melodie di Verdi e le parole di Boito. A quest’opera seguì nel 1893 Falstaff, che è considerata all’unanimità l’ultimo grande capolavoro di Verdi, prima della sua morte avvenuta nel 1901.

La mostra tramite un ricco apparato di partiture, documenti, lettere autografe, bozzetti, fotografie, figurini e altro ancora, permette di approfondire aspetti inediti per gli addetti ai lavori e amanti dell’opera, ma anche per i visitatori occasionali.

Inoltre in concomitanza con questa manifestazione sono stati presentati il portale Verdi Online, un sito web che permette di accedere a una serie di fonti verdiane, tra materiali documentari, iconografici e audiovisivi, e l’applicazione Giuseppe Verdi – Master Composers, disponibile su iTunes Store, per iPad con la quale si può accedere attraverso contributi audio e video a informazioni riguardanti la vita del Maestro, al contesto storico, alle relazioni con l'Editore Ricordi, alle sue opere e ai punti di interesse culturali e turistici.

L’Impresa Opera. Verdi, Boito, Ricordi
Dal 7 novembre al 9 dicembre

Palazzo Moriggia - Museo del Risorgimento
Via Borgonuovo 23 – Milano
Martedì- domenica  9,00-13,00 / 14.00-17.30
Ingresso libero

Leggi anche:

Una mostra per ricordare la centenaria storia del Museo della Scala

Lewis Hine; a Milano il padre della fotografia sociale

Man Ray. Models. In mostra a Milano ritratti femminili del grande fotografo americano

A Milano la XVIII edizione di AF - L'Artigiano in Fiera

Copyright © 2006 - 2019 MilanoFree.it, testata registrata Trib. Milano n. 367 del 19/11/2014  IT13181390157 MILANO TORINO PAVIA RIMINI