• Home
  • CRONACA
  • Brindisi natalizio: Pisapia incontra la stampa a Palazzo Marino

Brindisi natalizio: Pisapia incontra la stampa a Palazzo Marino

pisapiaIl 23 dicembre alle ore 16.00 Pisapia ha incontrato la stampa per i tradizionali auguri di buone feste nella sala dell'Orologio a Palazzo Marino.
E' tempo di auguri nel capoluogo lombardo per chiudere un 2013 che non è stato entusiasmante. Varie attività hanno dovuto chiudere i battenti e la crisi si è fatta ancora più ampia costringendo anche ad aumenti sui costi affrontati da parte dei cittadini. Molte sono state le occasioni di protesta che più volte hanno messo a disagio il traffico; tutto ciò ha contribuito ad un calo di consesi verso Pisapia ed il suo esecutivo.

Notizia principale dell'incontro è che Pisapia conferma l'intenzione di volersi ricandidare per le elezioni del 2016 e sulla possibilità che il suo sfidante sia Maurizio Lupi del Nuovo CentroDestra dichiara: "bella sfida. Prima però - aggiunge - dovrà vincere le primarie". Primarie che anche il sindaco di Milano ritiene un ottimo strumento della politica "questa forma di partecipazione è necessaria quando si governa la città" sottolinea. Certo è che ad oggi non c'è ancora la sicurezza che il suo sfidante sia Lupi dato che anche Matteo Salvini della Lega si è fatto avanti per la corsa a Palazzo Marino.
Al di là degli sfidanti, il futuro di Pisapia sarà molto condizionato da quello che sarà l'estito dell'Expo 2015. Su una domanda in cui gli veniva chiesto un parere riguardo al progetto del Padiglione Italia risponde diplomatico "era il migliore fra i progetti proposti". Intanto trapela la notizia che l'apertura delle prime due fermate della Metro 4, ossia Linate e Forlanini Fs, in tempo per Expo, è a forte rischio. Diventa così molto probabile che per garantire i collegamenti tra l'aeroporto cittadino e i padiglioni dell'Expo si debba fare uso di navette sostitutive.
 
Inoltre Pisapia ha ribadito che per avere un vero cambiamento è necessario come tempo 10 anni. Noi come cittadini milanesi ci auguriamo che il 2015 e il risalto internazionale dell'Expo possa bastare per questo cambiamento. Prima però c'è il 2014; aspettiamo fiduciosi.

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.