Melograno: fortuna e benefici

melograni piazza scalaLa melagrana è il frutto del melograno (Punica granatum).

L’albero è di medie dimensioni e Carducci, in Pianto Antico, lo descriveva così: “…il verde melograno da’ bei vermigli fior…”.

Il melograno e la fortuna

L’origine del nome (mela e grana) equivale a "mela con tanti semi",  e forse, è proprio a questa caratteristica, a quest’elevatissimo contenuto di semi, che si deve l’associazione all’abbondanza.

Si dice che il melograno sia una pianta sacra a Venere e Giunone, e che le spose, nell’antica Roma, solevano ornare le loro chiome, il giorno delle nozze, come auspicio di ricchezza e fertilità.

La tradizione, inoltre, vuole che i frutti raccolti il primo giorno del nuovo anno, portino fortuna e abbondanza.

Il frutto è tipico del periodo freddo, ha una buccia abbastanza dura. All’internmelogranochicchio sono contenuti i semi, separati da membrane in varie zone. Quando il frutto è troppo maturo, tende a spaccarsi e a mostrare i chicchi. La polpa è in pratica contenuta all’interno dei grani, assieme ai semi, che ricordano delle piccole capsule rosso vivo. I grani, o chicchi, possono essere mangiati a crudo, oppure spremendoli e bevendone il pregiatissimo succo, ricchissimo di vitamine e nutrienti.

Il melograno e la salute

La melagrana, frutto rosso per eccellenza, è un vero toccasana e, bere anche un mezzo bicchiere di succo puro, appena spremuto, consente di fare il pieno di tantissimi nutrienti. E’ un super concentrato di salute. Vediamo perché:100 grammi di melagrana contengono circa 80 Kcal, quasi l’80% di acqua, una buona percentuale di zuccheri, un buon 4% di fibra, vitamina A, C, E, K, antiossidanti (è uno tra gli alimenti più ricchi in antiossidanti), potassio, fosforo, ferro. Le vitamine e sali minerali, oltre al benessere generale, permettono e migliorano le regolari funzioni dell’organismo.

Ricordiamo anche gli antiossidanti sono degli ottimi alleati contro la formazione dei radicali liberi, responsabili dell’invecchiamento precoce cellulare.
melagranaMolte ricerche e studi hanno dimostrato che, bere regolarmente succo puro di melagrana, aiuta a prevenire i disturbi cardiovascolari, a ridurre le placche aterosclerotiche, ad abbassare il livelli di colesterolo e LDL, ed esercita un effetto neuroprotettivo.

Tra le proprietà annoveriamo quella antiossidante, antibatterica, antivirale, antinfiammatoria, diuretica. 

Una precisazione: sebbene buccia e membrane non siano commestibili, un’altissima percentuale di nutrienti è contenuta anche al loro interno. I nutrienti possono essere “recuperati” e consumati, preparando tisane o decotti a base di buccia e membrane.

 

Vedi anche:

Le noci: semi oleosi gustosi e salutari

Corbezzoli: piccoli e buoni

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.