Qualità della vita 2013: Milano migliora

La Ricerca 2013 dell’Università La Sapienza di Roma ci dice che la qualità della vita a Milano migliora, in controtendenza con le altre grandi città, dove invece si vede un peggioramento. "Siamo sulla strada giusta. Il primo posto nella classifica sul tenore di vita deve essere motivo di orgoglio per tutti i milanesi”. Milano e provincia guadagna due posizioni rispetto al 2012 e dodici dal 2010, attestandosi in 37/ma posizione.

Così l'assessore Chiara Bisconti commenta la 15esima edizione dello studio redatto sulla qualità della vita dal Dipartimento di scienze sociali de La Sapienza di Roma.
“Ci sono molti aspetti della nostra vita che dobbiamo migliorare, - ha aggiunto l'assessora Bisconti - lo sappiamo bene. Ma quest'ultima indagine, che conferma il dato positivo su Milano rilevato di recente anche da altre ricerche, ci colpisce e ci porta a fare una riflessione: gli studi realizzati da osservatori esterni oppure basati su indici di rilevazione oggettivi evidenziano quasi sempre un costante miglioramento della qualità della vita a Milano. Questo significa che la nostra qualità della vita è alta, anche se, forse, chi vive qui quotidianamente se ne rende conto di meno perché non ha un confronto diretto con altre città. I risultati di questa indagine danno nuova energia ed entusiasmo per proseguire il lavoro dell'Amministrazione, grazie anche alla partecipazione diretta dei cittadini che, ogni giorno, ci sollecitano con consigli, stimoli, e segnalazioni per migliorare la vita di tutti”.

Secondo questa ricerca quindi Milano è al top della classifica per tenore di vita, seguita dalle province di Monza e della Brianza, Varese e Aosta. In tema di sicurezza urbana invece Milano rimane agli ultimi posti. In fondo alla classifica ci sono nell’ordine, le province di: Latina, Napoli, Foggia, Roma, Pisa, Firenze, Pescara, Ravenna, Bologna, Imperia, Prato, Rimini e Milano.

Pin It

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.