• Home
  • CRONACA
  • Si impicca in cantina dopo aver ucciso la moglie a coltellate

Si impicca in cantina dopo aver ucciso la moglie a coltellate

accoltellamentoUn omicidio-suicidio che ha scioccato il figlio della coppia coinvolta nel drammatico caso. E' successo in Brianza, a Brugherio, in via Bindellera, una zona residenziale, poco distante dall'autostrada A4. Qui, una donna di 56 anni, è stata accoltellata dal marito, in preda ad un gravissimo attacco di gelosia, utilizzando, per l'omicidio, un'arma da taglio.

Si presuppone che la dinamica dell'accaduto si sia svolta così perchè la donna riportava ferite da taglio su tutto il corpo. Ma la tragedia non è finita qui. Infatti l'omicida di 63 anni, subito dopo aver ucciso la moglie, si è impiccato in cantina, dove ha lasciato un triste biglietto di accuse contro la consorte sfortunata, della quale era molto geloso.

I Carabinieri di Milano e Monza, si sono recati subito in loco, per accertare i fatti ed avviare le relative indagini. A scoprire il crudele evento è stato il figlio della coppia che tornando a casa ha visto la madre che giaceva a terra grondante di sangue, mentre il padre si trovava in cantina, impiccato. L'uomo-omicida, infatti, si era recato in cantina, dopo aver commesso il delitto, trascinato e accecato dalla furia momentanea dettata dalla gelosia e lì, ha messo fine anche alla sua vita.

La gelosia è un sentimento negativo che se non saputo gestire, genera fenomeni pericolosi a danno della propria vita e di quella altrui, perchè il cervello viene accecato improvvisamente dalla rabbia, covata nell'animo del soggetto offeso. Quest'ultimo, reagisce di conseguenza, dando sfogo all'ira e privo di razionalità e consapevolezza alcuna, agisce violentemente contro la vittima.

Non sappiamo cosa avviene esattamente nel pensiero del colpevole, ma di certo, si scatenano una serie di emozioni negative, che risultano fatali, provocando la tragedia. Il crimine, è un argomento che può essere trattato nei minimi particolari, solo dai criminologi, in quanto esperti nel campo, ma le vittime causate da momenti di massimo sconforto morale e di eccessiva rabbia furiosa, sono davvero molteplici, nella nostra società.

Comunque si sa di certo, che il motivo principale di tale risultato, è dovuto in gran parte, all'incapacità di gestire le emozioni negative del momento, che invadono, pericolsamente, la mente e diventano distruttive.       

Pin It

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.