• Home
  • EVENTI
  • Milano Off - tutta la Milano che non conosci, a costo (quasi) zero

Milano Off - tutta la Milano che non conosci, a costo (quasi) zero

C'è tutta una Milano che l'Armani Privè non sa neanche cosa sia, là fuori. Se prima, però, la vita di quartiere era prerogativa di attempati ed agguerriti giocatori di burraco del centro anziani di zona, adesso è in pieno fermento culturale. Non solo recupero di vecchie cascine (tra i casi più eclatanti: Cascina Cuccagna e Cascina Linterno), ma anche nascita o crescita di associazioni, spazi, circoli, che propongono iniziative a costo zero o low cost. Vedrete come poi, dopo un aperitivo in jazz gratuito, un cineforum a 2€, serate di fotografia ad ingresso libero, interi corsi di yoga e scrittura a prezzi stracciati, vi passerà la voglia di spendere 10-15€ solo per un cocktail annacquato.
 
Partiamo dall'Ortica che, mai come oggi, sta vivendo tempi d'oro. Il quartiere incastrato tra la tangenziale est e piazza delle Rimembranze di Lambrate sta godendo della riqualificazione dell'intera area dovuta al nuovo polo Ventura-Lambrate del Fuorisalone di Milano. Ecco che allora il vecchio dopolavoro ferroviario si è convertito in una balera patinatissima e anche un po' costosa a cui fortunatamente è corsa a far da contraltare l'associazione ZIP, che nel profondo di una palazzina anni Cinquanta ha animato uno spazio (il Kamikazen) con aperitivi gratuiti e jazz fino a notte fonda. Paghi solo, al primo ingresso, la tessera associativa annuale di 3€, per il resto tutto gratis tranne il vino che, però, costa 2€.
 
Il Ligera di via Padova, invece, è la casa natia dell'associazione La Scheggia, orientata soprattutto alla diffusione del buon cinema e della buona musica e famosa per i suoi cineforum a tema dal programma sempre molto ricco, di cui ultimo esempio, in corso fino al 26 febbraio, è la rassegna "Ciak! Operazione Madonnina", ovvero proiezioni di b-movies anni Settanta ambientati a Milano. Non a caso la Santeria li ha scelti per proporre la sua deliziosa Cinemerenda del sabato.
 
Da tenere d'occhio costantemente, vista la programmazione bellissima ma un po' singhiozzante, le iniziative eno-cine-ludo-musi-gastronomiche di Giambellitaly che, soprattutto d'estate, dà il meglio di sé: tra cinepizza, cinegiardino, pranzi nei cortili e cene al buio, si qualifica come una delle associazioni più originali della città, pur trovandosi in una delle aree storicamente più degradate.
A sud, tra le case popolari del quartiere Sant'Ambrogio (ospedale San Paolo, non basilica di Milano centro, ndr) sorge uno spazio di condivisione che brilla per accoglienza e dove non ti si nega mai un tè o una tisana caldi. Si tratta dell'associazione Art&Sol di via San Paolino, che organizza gratis o a prezzi stracciati corsi di yoga, autodifesa e scrittura creativa (tutti in partenza a breve) e cineforum (in corso).
 
Gli appassionati di fotografia possono incontrarsi tutti i venerdì alle 21 da Cizanum, circolo fotografico di Cesano Boscone, il quale, inutile dirlo, propone continuamente mostre fotografiche ad ingresso libero e corsi di fotografia di tutti i tipi (costo tra i 100 e i 150€ per 8/10 lezioni). Chiunque abbia presente Micamera, in zona Isola, sappia che Cizanum è qualitativamente simile ma economicamente diverso. In meglio.
 
Tutte le biblioteche comunali, inoltre, propongono seminari, letture e serate da tenere sotto controllo, ma segnaliamo qui, tra le più vivaci ed interessanti, la Biblioteca Tibaldi, la Biblioteca di Baggio e la Biblioteca della Chiesa Rossa, in assoluto forse la più bella dell'intero hinterland.
 
Il divertimento è soggettivo, ma a parità di offerta, perché non spendere poco o niente?
 
Leggi anche: 
 

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.