• Home
  • CRONACA
  • O mi dai 5000 Euro o ti denuncio per violenza sessuale: il ricatto di una donna

O mi dai 5000 Euro o ti denuncio per violenza sessuale: il ricatto di una donna

estorsioneUna donna di 49 anni della provincia di Varese ha tentato di estorcere un'esosa cifra di denaro all'ex fidanzato, un giovane di 29 anni, col quale aveva avuto una breve relazione. La donna ha pensato che ricattare il giovane compagno esigendo 5000 Euro, fosse la strada migliore per avere del denaro subito e in modo facile.

Ma il ricatto, non si limitava all'assurda richiesta pretenziosa di denaro, includeva anche la denuncia di violenza sessuale in caso il giovane si fosse rifiutato di agire secondo il preciso volere dell'ex compagna. I due si erano consociuti in un locale di Cerro Maggiore, una cittadina di 15mila abitanti, con una sola frazione, Cantalupo, in provincia di Milano. Un comune milanese rinomato perchè fu il luogo in cui, presso un convento dei frati Cappuccini, fu nascosta la salma di Benito Mussolini, per un lungo periodo di tempo.

Dopo il casuale approccio amichevole, la coppia ha vissuto una relazione durata brevemente e conclusa senza un accordo reciproco. Infatti, la fine della relazione, ha determinato una serie di conseguenze negative, sotto forma di continui ricatti e odiose minacce intimidatorie. La donna, non si dava pace e assillava l'ex compagno, con un fastidioso comportamento da stalker. Così, il giovane, ha deciso di denunciarla ai Carabinieri, raccontando il triste accaduto e sperando di ritrovare, col loro aiuto, la serenità perduta. I Carabinieri hanno controllato le azioni e i movimenti della donna stalker e l'hanno colta in flagrante, mentre riceveva una busta contenente la cifra di 1000 Euro, dalle mani dell'ex compagno. Lo sconvolgente evento, si è concluso con l'arresto della donna, che si è giustificata dicendo che lui l'aveva usata e che per questo grave oltraggio subito, pretendeva un risarcimento in denaro contante. Il Pm Mirko Monti, ha disposto, per la donna colpevole, gli arresti domiciliari in attesa dell'udienza di convalida.

Il comportamento della donna che ha commesso reato di estorsione, è stato un comportamento egoistico, travestito da falsa delusione sentimentale, che vanta una grave offesa morale umiliante, utilizzata come "esca" per usurpare il denaro altrui. Storie del genere, etichettano in continuazione la nostra società, che a volte vive assillata dalla paura di scendere a difficili  compromessi, in caso di situazioni delicate e insostenibili. Il modo migliore per poter arginare questo tipo di problemi morali, è quello di gestire la relazione, con costante e vigile attenzione, per evitare eventuali risvolti spiacevoli e serie conseguenze negative, che potrebbero diventare pericolose, se non frenate in tempo.            

Pin It

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.