• Home
  • CRONACA
  • Scuole in legno a Milano nel 2016, firmato l'accordo tra Comune e Federlegno

Scuole in legno a Milano nel 2016, firmato l'accordo tra Comune e Federlegno

realizzazione-scuola-legnoL'innovazione ha conquistato anche l'edilizia scolastica, puntando alla realizzazione di nuove scuole in legno, come nei paesi del nord-Europa. Milano è la prima città italiana che ha dato vita all'idea innovativa, con l'accordo firmato tra il Comune e la Federlegno.

Un accordo che darà lustro al risparmio energetico e alla bioedilizia. E' stato sperimentato, infatti, che il legno favorisce un risparmio energetico del 40%, rispetto ad altri materiali tradizionali. Inoltre, per costruire una scuola in muratura, è necessario un lungo periodo di tempo che comprende 2 anni e mezzo e un costo elevatissimo. Invece una scuola in legno, viene costruita nell'arco di 6-8 mesi e il costo è di 10-12 milioni di Euro. Quindi, i punti positivi delle scuole in legno, sono molteplici: sono più sicure, ecocompatibili, antisismiche, economiche e più rapide da costruire. Una svolta valida e decisiva verso la bioedilizia, ma anche verso le migliori comodità e gli agi scolastici all'avanguardia, che forniscono agli studenti un ambiente sano e di alta qualità, da vivere in completa armonia.

Gli edifici saranno a tre piani e saranno provvisti di palestre adeguatamente attrezzate e mense spaziose ed efficienti, che ospiteranno gli studenti nelle pause dei pasti giornalieri, con sicura agibilità. L'amministrazione, conta di ricavare le risorse stimate per realizzare le scuole in legno, dalla vendita decisa con il Comune di Brescia del 5% di A2A, per la quale però deve esprimersi il Consiglio comunale, che deciderà come investire questi soldi. Il sindaco Giuliano Pisapia, ha espresso chiaramente con decisione ferma e vivo orgoglio "Vogliamo sperimentare nuove idee e nuove opportunità nel settore edilizio che è molto importante per la società, con l'idea precisa di garantire alta qualità e ottima funzionalità".  Inoltre, sono numerosi gli istituti scolastici che nel milanese, necessitano di una ristrutturazione o di una costruzione, ma la responsabilità di assolversi un compito difficile e soprattutto di vitale importanza, comporta competenza specifica nel campo e volontà tempestiva.

In particolare sarà ricostruita la scuola di via Viscontini. Qualora arrivassero i fondi per l’edilizia scolastica del governo, la priorità è per le 27 scuole costruite negli anni '70-'80 con prefabbricati di durata trentennale che, ormai, devono essere sostituiti. Il 27 Febbraio sarà ricordato come un giorno di grande importanza per la città di Milano, (che ha deciso di accantonare il cemento) perchè è contrassegnato dall'accordo con Federlegno, per la realizzazione di nuovi edifici scolastici, all'insegna dei suddetti presupposti, sottoscritto dal sindaco Giuliano Pisapia e dall'assessore ai Lavori Pubblici, Carmela Rozza. Un valido esempio pratico di un'Italia che si muove verso la vera responsabilità, garantendo innanzitutto sicurezza ai giovani di oggi che rappresentano il futuro della nazione.

Pin It

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.