• Home
  • EVENTI
  • 21 marzo: XIX Giornata della Memoria e dell'Impegno in ricordo delle vittime di mafia

21 marzo: XIX Giornata della Memoria e dell'Impegno in ricordo delle vittime di mafia

logoliberaIl 21 marzo di diciotto anni fa, per la prima volta, si è celebrata la Giornata della Memoria e dell'Impegno per ricordare le vittime innocenti di tutte le mafie. 
 
Non è un caso, che si sia stabilito di ricordare le vittime di mafia proprio in questo giorno. Il primo giorno di primavera, giorno della speranza e della rinascita, simbolo di chi ha deciso di trasformare il propri dolore, per la perdita di una persona cara, in un messaggio di giustizia, di pace e di legalità.
 
Da allora, ogni anno, in numerosissime città italiane, vengono organizzati eventi e proposte iniziative per rendere omaggio e onore a tutti coloro che sono morti ingiustamente per mano delle mafie.
 
Anche a Milano, in questi giorni, diverse sono state le attività che l'associazione "Libera. Nomi e numeri contro le mafie" ha organizzato.

Tra gli altri, mercoledì 19, in via Morozzo della Rocca, vi è stata la lettura dei novecento e più nomi di vittime di mafia, con affissione della targa in memoria di Giorgio Ambrosoli, avvocato ucciso nel 1979. 
 
L'appuntamento più atteso, a cui parteciperà l'intera Italia, è quello che, per quest'anno, si terrà a Latina, per celebrare la XIX Giornata della Memoria e dell'Impegno. Pullman e persone da tutta Italia arriveranno, il 22 marzo, nella città laziale, per dire NO alle mafie e per dimostrare il proprio impegno a combattere qualsiasi tipo e forma di illegalità.
 
Latina è una città chiave, piena di risorse e bellezze paesaggistiche, intaccate dalla presenza diffusa e radicata delle mafie organizzate, che "sporcano" il territorio di malaffari, ingiustizie e veleni. Qui si ricorderanno tutte le vittime di mafia, davanti a cui l'Italia farà la propria promessa d'impegno e legalità. Tra gli altri, spicca il nome di don Giuseppe Diana, che tutti conoscevano come Peppe, ucciso proprio vent'anni fa a Casal di Principe, prima della celebrazione della messa nella chiesa di San Nicola di Bari. Cinque colpi, alla testa, al volto, alla mano, al collo, segnano la fine di un eroe di giustizia, che in vita è sempre stato vicino alle famiglie e alle persone minacciate dalla Camorra.
 
Uno tra tanti, don Peppe. Un nome tra centinaia, o forse migliaia, che anche l'associazione Libera ricorda, sul proprio sito internet. Nomi che meritano di essere ricordati ogni giorno, e a cui si cerca di rendere onore ogni 21 marzo, dando loro quella giustizia a cui non sono stati destinati in vita.
 
Anche da Milano, la sera del 21 marzo, partiranno numerosi pullman. Destinazione Latina.
 
E per chi, per un motivo o per l'altro, non potrà recarsi in Lazio a celebrare "dal vivo" la XIX Giornata della Memoria, la sera del 21 marzo, alle 21, presso la parrocchi S. Curato d'Ars, in Largo Giambellino 127, verrà proiettato il film "Fortapàsc", in memoria di Giancarlo Siani, uno dei tanti nomi su cui la mafia ha voluto mettere una croce. L'ingresso alla proiezione è libero.
Clara Cappelletti
Pin It

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.