• Home
  • CRONACA
  • Emanuela vince e Federico è l'orgoglio dei ragazzini milanesi

Emanuela vince e Federico è l'orgoglio dei ragazzini milanesi

juniormasterchef italia 2014Masterchef  Junior Italia è stata vinta da Emanuela, una bambina di 9 anni, in quarta elementare, di origine pugliese. Una piccola cuoca professionista che ha saputo essere intraprendente e molto leale, dimostrando solidarietà responsabile, come se fosse un'adulta già vissuta e saggia.

Le sue profonde riflessioni e le sue osservazioni intelligenti e sottili hanno sbalordito i giudici, ma soprattutto i telespettatori che hanno seguito con molto interesse il programma televisivo, mandato in onda da Sky, col presupposto di tracciare la via del successo ai giovani cuochi che hanno scelto di partecipare alla famosa gara, con passione innata e impegno serio. Nulla da invidiare ai grandi che hanno dato il loro contributo alla riuscita dell'altro famoso programma dedicato ai cuochi adulti.

Il secondo arrivato è stato Federico, un ragazzino di 12 anni che frequenta la seconda media, originario di Peschiera Borromeo, una città di 22.515 abitanti, in provincia di Milano. Federico si è distinto per la sua creatività e il suo coraggio di rischiare, cucinando piatti difficili nella preparazione e anche nell'impiattamento. Ha ricevuto i complimenti dei giudici e ha superato brillantemente alcune prove della gara gastronomica, colma di piatti succulenti e originali, composti da ingredienti particolarmente impegnativi. Federico ha le sembianze di un cuoco francese già ben piazzato, che attende di inserirsi in un ristorante a 5 stelle e già il noto chef Bruno Barbieri, ottimo intenditore di primi piatti a base di pasta fresca, ha invitato Federico a lavorare con lui, dopo aver apprezzato la sua innata creatività. Federico è diventato così l'orgoglio delle nuove generazioni di chef milanesi che hanno confidato nella sua bravura e nella sua eleganza di chef sapiente e simpatico.

Masterchef junior ha dimostrato che anche i ragazzini hanno grandi potenzialità di primeggiare in una professione difficile e sempre sottoposta a continui aggiornamenti, come quella dello chef, che deve saper gestire una grande varietà di ingredienti nella cucine stellate dei vari paesi del mondo e riuscire a presentare piatti originali e buoni, capaci di soddisfare tutti i tipi di palati. Il programma è stato apprezzato e seguito con molta attenzione, incollando al teleschermo circa 600 mila italiani, che hanno condiviso le gioie e le tensioni dei piccoli protagonisti. Questi ultimi hanno vinto dal punto di vista umanitario, dimostrando solidarietà e senso di amicizia e aiutandosi a vicenda hanno dato un valido esempio di umanità vera, che spicca in una società avvilita dal materialismo sempre più vorace e dall'egoismo sfrenato che induce a correre dritti per la meta prefissa, senza farsi scrupolo per nessuno.

Lo abbiamo visto nel programma Masterchef dedicato ai grandi, che invece di mostrarsi maturi e solidali, hanno ceduto alla tentazione di criticarsi negativamente  e di farsi battutine pungenti fino all'ultima puntata. Invece i piccoli cuochi sono stati i veri vincitori della società moderna, meritevoli di lodi, perchè si sono distinti in spontaneità, semplicità, solidarietà e serietà, molto più degli adulti. E' veramente un onore, osservare il comportamento e la mentalità delle nuovissime generazioni, perchè regalano la speranza di un futuro dignitoso all'Italia attuale, torbida e complessa, troppo ingarbugliata in inganni e delusioni nei vari campi della società. Inoltre, è bello poter intravedere già da ora, un'Italia  futura, che coltiva i sani principi morali e che vuole aiutare il prossimo, con sincero spirito altruista, ma che soprattutto "ama vincere, agendo in modo pulito", come ha dichiarato la giovanissima vincitrice di soli 9 anni.      

Pin It

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.