• Home
  • MOSTRE
  • Mostra "Abiti da Lavoro" alla Triennale di Milano per riabilitare i giovani disabili

Mostra "Abiti da Lavoro" alla Triennale di Milano per riabilitare i giovani disabili

Abiti da lavoro 2L’obiettivo è quello della riabilitazione nel mondo lavorativo dei giovani disabili; la Triennale di Milano insieme l’Associazione TamTam hanno presentato il 25 giugno 2014 la mostra “Abiti da lavoro”, aperta fino al 31 agosto 2014.

La forza del progetto è la partecipazione di progettisti provenienti da tutto il mondo tra cui Antonio Marras, Angela Missoni, Vivienne Westwood e moltissimi altri che hanno realizzato bel 40 abiti da lavoro.

L’iniziativa, inoltre, non si ferma alla semplice mostra: è previsto, infatti un vero e proprio workshop gratuito predisposto da Tam-Tam che mira ad un coinvolgimento della comunità nell’ambito sartoriale grazie al quale è possibile approfondire ed apprendere il processo che porta un semplice bozzetto a diventare un abito vero e proprio di alta sartoria.

Abiti-da-lavoroDurante il workshop si realizzeranno, partendo da schizzi cartacei, modelli su carta che verranno poi trasmessi ad Arkadia Onlus che, grazie a un gruppo di disabili, saranno trasformati in abiti veri.

Il tema della mostra va al di la della banalità apparente. Vuole, infatti, concretizzare e mantenere su un piano reale un ambito come quello lavorativo che nel terzo millennio è sempre più spesso  on web, flessibile e smaterializzato. Gli abiti da lavoro rappresentano oggi una connessione tra il passato e il presente, tra le fabbriche e i social network, tra professioni ormai scomparse e nuove figure professionali scaturite grazie al processo tecnologico continuo e alla globalizzazione.

La mostra offre anche spunti di riflessione sul cambiamento sociale che ha coinvolto gli ultimi decenni: un tempo ogni mestiere era caratterizzato da un abito di rappresentanza: il banchiere in giacca e cravatta, il medico con il camice bianco, il meccanico con la tuta blu e via dicendo; oggi si è trasformato l’indumento rappresentativo del proprio lavoro in un elemento distintivo del proprio essere. L’abito non ha più un valore sociale ma un valore personale, delle proprie ambizioni, di ciò che si vuole essere.

Abiti da lavoro

Fino al 31 agosto 2014

Triennale di Milano
Viale Alemagna, 6 - Milano
Orari: martedì-domenica 10.30-20.30; giovedì 10.30-23
Ingresso: 6, 5, 4 euro

Leggi anche:

Decollage e retro d'Affiches. Viaggio su due binari nell'arte di Mimmo Rotella

Le due "Cene" a confronto a Brera: Caravaggio versus Lopez Garcia

Palazzo della Ragione, nuovo polo d'esposizione di fotografia: Salgado inaugura lo spazio

Mimmo Rotella e le sue Decostruzioni urbane

I segreti di Diabolik al Wow!

Antoine Catala, concetti e parole in mostra al Peep Hole

Pin It

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.