• Home
  • CRONACA
  • Neonato abbandonato nella cappella in ospedale a Milano

Neonato abbandonato nella cappella in ospedale a Milano

Neonato abbandonato nella cappella in ospedale a MilanoUn neonato è stato ritrovato da don Mauro Galli sui gradini dell'altare della cappella presso l'ospedale San Giuseppe, sito in via San Vittore, a Milano. Il neonato è un maschietto asiatico di una decina di giorni, è molto piccolo, pesa circa 2 chilogrammi ma gode di buona salute.

Venerdì sera don Matteo ha deciso di andare a pregare nella cappella, ha sentito il bisogno di andar lì come spiega lui stesso ai giornalisti con queste parole: "Qualcosa mi ha spinto". Erano passate le 23.00 e pioveva, appena entrato nella cappella il parroco ha notato subito un piccolo fagottino sopra una federa stesa sui gradini. Al primo istante ha pensato si trattasse di un gattino - tanto era minuta la creaturina avvolta nel tessuto e per i lievi e brevi strilli che emetteva - ma quando s'è avvicinato ha visto che si trattava di un bambino. Ha avuto paura di potergli far male nel raccoglierlo e quindi è andato di corsa a chiamare il personale sanitario. "Non l'ho voluto toccare temendo di combinare qualche guaio - spiega don Matteo. - Così mi sono messo a correre verso il pronto soccorso".

Attualmente il piccolo si trova nella nursey, nel reparto pediatrico del San Giuseppe - accanto a un altro bimbo abbandonato in ospedale dalla madre subito dopo il parto - e si chiamerà Giacomo prendendo il nome dal santo di venerdì 25 luglio, giorno del suo ritrovamento.

"Dentro la drammaticità della storia c'è un grido di aiuto e speranza - commenta don Mauro, dopo aver fatto visita al bambino nel reparto pediatrico. - Chi ha abbandonato il bimbo si è preoccupato di non fargli correre troppi rischi".

La cappella dell'ospedale è aperta 24 ore su 24 e dispone di telecamere. Le forze dell'ordine hanno cominciato subito le indagini per individuare la madre del bambino o la persona che l'ha portato in opedale e per il momento l'autorità giudiziaria minorile ne ha disposto l'affidamento ai medici del San Giuseppe. 

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.