• Home
  • CRONACA
  • Terrorismo internazionale e frasi folli italiane

Terrorismo internazionale e frasi folli italiane

james wright foleyNella giornata di ieri è rimbalzata in tutto il mondo la crudele decapitazione del giornalista americano James Foley ad opera di terroristi dell'ISIS (Stato Islamico dell'Iraq e del Levante). La sua unica colpa è stata quella di essere americano e quindi per dare un monito agli USA a seguito dell'intervento in difesa di Cristiani e Yazidi, il mondo intero ha dovuto subire questa macabra vendetta, una condanna a morte che ha indignato i più e fatto partire aiuti militari anche dall'Italia.

Stonano le parole di pochi giorni fa di un esponente del Movimento 5 Stelle, Di Battista, che sul blog di Grillo sosteneva: "Di fronte a droni non resta che fare il kamikaze".  "Dovremmo smetterla di considerare il terrorista un soggetto disumano - continuava Di Battista - con il quale nemmeno intavolare una discussione. Questo è un punto complesso ma decisivo. Nell'era dei droni e del totale squilibrio degli armamenti il terrorismo, purtroppo, è la sola arma violenta rimasta a chi si ribella. E' triste ma è una realtà. Se a bombardare il mio villaggio è un aereo telecomandato a distanza io ho una sola strada per difendermi a parte le tecniche nonviolente che sono le migliori: caricarmi di esplosivo e farmi saltare in aria in una metropolitana. Non sto ne giustificando né approvando, lungi da me. Sto provando a capire. Per la sua natura di soggetto che risponde ad un'azione violenta subita il terrorista non lo sconfiggi mandando più droni, ma elevandolo ad interlocutore. Compito difficile ma necessario, altrimenti non si farà altro che far crescere il fenomeno".

 Queste frasi, oggi ancora di più, sono vergognose e ingiustificabili e andrebbero sanzionate, questo il pensiero di molti politici italiani, di destra e di sinistra.

Ricordiamo a Di Battista che tra gli ostaggi nelle mani dell'ISIS ci sono anche le 2 ragazze italiane di "Senza Frontiere", giustificando i terroristi, chiunque siano, si rischia di avere le mani sporche di sangue ed essere complici del massacro che in Iraq e in altre parti del mondo si sta vivendo.

Ultimamente il Movimento 5 Stelle sembra non azzeccarne più neanche una, dalla voglia sfrenata di alzare la voce a quella di fare i bastian contrari su tutto, vedi anche le dichiarazioni filoPutiniane di Grillo. La politica, quella vera e nell'interesse dei cittadini si fa però in ben altro modo. Sarà anche per questo che Grillo nelle ultime Europee ha perso tanti voti?

 

Pin It

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.