Fare l'archeologo in Lombardia

  • Stefano Todisco

archeojobsFare l’archeologo in Lombardia
Intervista a Stefano Sioli di Archeojobs

Ciao, che cos’è esattamente Archeojobs?

ArcheoJobs è il primo ed unico progetto nazionale dedicato a Formazione Lavoro nel settore Beni Culturali. In tal senso ci rivolgiamo a tutte le discipline e le realtà che operano nell’ambito, con l’obiettivo di costituire un collettore unico, finora assente, da utilizzare come strumento per facilitare e incentivare formazione, lavoro, promozione e nuove opportunità di business nel settore Beni Culturali.

A tal proposito ArcheoJobs si concentra innanzitutto sulle necessità delle persone che studiano e lavorano nei Beni Culturali, offrendo una sezione dedicata ad annunci di lavoro specifici, piuttosto che una panoramica completa delle opportunità formative presenti a livello universitario. In secondo luogo offriamo servizi a Imprese, Associazioni, Fondazioni, Accademie etc. dando l’opportunità di promuoversi nell’unica vetrina nazionale dedicata al settore.

Da quanto tempo te ne occupi?

Il progetto debutta nel novembre 2012 dopo aver vinto un bando per Start-Up organizzato da Regione Lombardia e Camere di Commercio lombarde. Dopo circa un anno abbiamo raggiunto importanti tappe a livello istituzionale, stipulando rapporti di partnership con enti come l’Università Federico II° di Napoli o la Scuola di Specializzazione in Beni Archeologici delle Università di Trieste, Udine e Venezia.

Un tuo parere sul mestiere dell’operatore archeologo in Italia

Beh, questo tema è ormai tristemente noto per una lunga serie di difficoltà. Limitandomi alla mia esperienza personale credo che nell’intero settore Beni Culturali ci siano molte opportunità di lavoro, però si tratta di opportunità teoriche e non realmente concrete. Con questo intendo dire che spesso non ci sono risorse per realizzare gli interventi necessari, oppure per pagare adeguatamente chi lavora nel settore.

Allo stesso modo è molto difficile riuscire a costruirsi un percorso lavorativo continuativo nel tempo, infatti troppo spesso si lavora con collaborazioni occasionali che non si tramutano in posizioni lavorative stabili. Personalmente credo che per lavorare come archeologo la strada migliore sia la carriera accademica, ovvero lavorare come ricercatore in ambito universitario, però anche in questo caso si tratta di un percorso lungo, complesso e spesso dall’esito incerto.

Ci fai un “identikit” di chi si rivolge ad Archeojobs per trovare lavoro nel settore culturale?

ArcheoJobs ha oltre 6.000 visite al mese, che possiamo suddividere in due grandi categorie: da un lato abbiamo gli studenti universitari che sono alla ricerca di informazioni su corsi di laurea e percorsi formativi nel settore Beni Culturali. In secondo luogo molti utenti sono persone che hanno terminato il loro percorso di studio o specializzazione e quindi sono alla ricerca di offerte lavorative: a tal proposito, l’apposita sezione del nostro portale “Lavorare” è molto seguita, infatti tutte le settimane vengono inseriti nuovi annunci.

Anche il blog, dove pubblichiamo approfondimenti dedicati alle professioni o alle opportunità del settore, viene letto di frequente da entrambe le tipologie di utenti.

Milano e l’hinterland, in vista soprattutto dell’Expo, che opportunità posso cogliere per far conoscere la cultura antica dell’Italia e della Lombardia?

EXPO 2015 è un evento molto complesso e dalle mille sfaccettature, quindi credo che una di queste possa essere la valorizzazione del patrimonio culturale. In tal senso EXPO è un’occasione unica perché permette di attivare una serie di bandi dove Università, Associazioni, Imprese ecc. possono presentare un progetto e ricevere finanziamenti per realizzarlo. Credo che questo canale vada utilizzato il più possibile anche a favore dei Beni Culturali, senza concentrarsi solo su Milano ma allargando il ventaglio all’intera regione Lombardia.

Quali sono i recapiti di questo tuo progetto, per chi fosse interessato?

Il progetto opera tramite il portale archeojobs.com e le ultime notizie  sono sempre pubblicate anche sulla pagina Facebook (facebook.com/ArcheoJobs).

Leggi anche:

Copyright © 2006 - 2020 MilanoFree.it, testata registrata Trib. Milano n. 367 del 19/11/2014  IT11086080964