Cosa fare questo weekend a Milano? 19-21 luglio 2019

Cosa fare questo weekend a Milano? 19-21 luglio 2019

Come sempre MilanoFree.it offre i suoi consigli sui...

Intervista ai pendolari: cosa ne pensate della tariffa integrata?

Intervista ai pendolari: cosa ne pensate della tariffa integrata?

A pochi giorni all'introduzione della tariffa integrata,  che ha...

Vecchi detti meneghini

Vecchi detti meneghini

Ogni regione della nostra bella Penisola presenta, tra i tanti suoi tesori,...

Da Van Gogh a Picasso: a Palazzo Reale capolavori d'arte dal Guggenheim di New York

Da Van Gogh a Picasso: a Palazzo Reale capolavori d'arte dal Guggenheim di New York

Aprirà il 17 ottobre prossimo nelle sale di Palazzo Reale, la mostra...

Costumi d'amare, cool trends estate 2019

Costumi d'amare, cool trends estate 2019

Le tanto agognate VACANZE e ferie lavorative sono finalmente dietro...

Eclisse parziale di Luna 16 luglio 2019: dove vederla a Milano

Eclisse parziale di Luna 16 luglio 2019: dove vederla a Milano

Domani martedì 16 luglio 2019 si potrà assistere ad un'eclisse parziale di...

Viaggio tra la Musica e i musicisti: la Premiata Forneria Marconi

Viaggio tra la Musica e i musicisti: la Premiata Forneria Marconi

La musica, un'arte nata con l'umanità e che continua a fare e essere storia....

Legittima difesa: cosa ne pensa la Chiesa

Legittima difesa: cosa ne pensa la Chiesa

La questione della legittima difesa è diatriba che interessa tutta l'opinione...

Guido Pajetta. Miti e figure tra forma e colore

Guido Pajetta. Miti e figure tra forma e colore

Fino al primo settembre 2019, a Palazzo Reale di Milano è aperta al pubblico...

Terra di speranza, cibo per la vita. La Cina e Expo 2015

La terra nutre l’umanità sin dalle origini, la speranza porta con se la prospettiva di un futuro in cui il cibo consenta la vita di tutti. Sono questi i concetti alla base del tema scelto dalla Cina per Expo Milano 2015.

padiglione-cina-expo-2015-milanoTerra di speranza, cibo per la vita verte su precisi punti focali: alimentazione, agricoltura, ambiente e sviluppo sostenibile, per illustrare le tradizioni culturali e i progressi ottenuti grazie all’uso razionale delle risorse a disposizione al fine di produrre e garantire cibo a sufficienza per tutti che sia allo stesso tempo buono e salutare.

L’evento espositivo è anche occasione dei festeggiamenti del 45esimo anniversario dell'avvio delle relazioni diplomatiche Cina-Italia che cadrà proprio nel 2015, i due Paesi hanno l’intenzione di sfruttare Expo Milano 2015 nell’ottica di una grande opportunità, uno strumento di implementazione per una cooperazione bilaterale.

Tra l’altro la Cina si è rivelata uno dei partner principali dell’Esposizione Universale di Milano ponendosi l’obiettivo di offrire ai visitatori un’esperienza di edutainment ricca di contenuti che riesca a catturare l’interesse e suscitare la curiosità di tutti. Un’occasione che ci permetterà di conoscere la storia, le tradizioni millenarie e le innovazioni di un grande Paese che si propone di dare un contributo strategico alla sfida comune di uno sviluppo sostenibile per il futuro.

padiglione-cina-expo-2015-milano-bigliettoL’esposizione, prevista su un’area di ben 4.590 metri quadri, posizionata a metà Decumano, è suddivisa ideologicamente in sezioni, considerando che è la prima volta in cui la Cina partecipa a un’Esposizione Universale con un Padiglione self-built, secondo per grandezza solo a quello della Germania. Le diverse aree espositive si chiamano “Cielo”, “Terra”, “Uomo” e “Armonia”. La sezione Cibo per la vita mette in mostra il percorso produttivo del cibo, del tofu e di altri piatti tipici, le Otto famose scuole di cucina cinese e la cultura del tè. Quella intitolata Tecnologia e futuro si propone di documentare quali siano i progressi scientifici, come ad esempio il riso ibrido del professor Yuan Longping, l’uso di Internet, il riciclo in agricoltura e le tecniche per la tracciabilità. Infine la sezione Il dono della natura va a illustrare il processo del raccolto secondo il calendario cinese lunisolare e i cinque colori del suolo.

Il progetto è frutto delle idee del consorzio formato dalla Tsinghua University e dal Beijing Qingshang Environmental & Architectural Design Institute. Il design del Padiglione cinese è pensato per riprodurre le forme e le strutture architettoniche tradizionali in continuità  con le più moderne idee di Design. Qui le forme dello skyline urbano si andranno a fondere con quelle del paesaggio naturale, collocando all’interno dei diversi spazi, pieni e elementi architettonici prodotti, riso, grano.

Da non dimenticare è che è previsto all’interno del Padiglione un programma ricco di eventi giornalieri, province e municipalità organizzeranno le settimane della cultura, si avrà accesso a diversi materiali promozionali della Beijing International Horticultural Exposition del 2019 e vi sarà un programma di scambio con 20 delegazioni di alto livello appartenenti a diverse regioni della Cina.

Dafne

Pin It