Escape room con bambini a Milano

Escape room con bambini a Milano

Cosa c’è di meglio per un pomeriggio in famiglia che un hotel infestato dagli...

Lizzano – Quali le sorti di questo paese (e non solo)?

Lizzano – Quali le sorti di questo paese (e non solo)?

Nella nota riportata dall'associazione AttivaLizzano e pubblicata sul...

Ottocento lombardo a Lecco

Ottocento lombardo a Lecco

Dal 20 ottobre al 20 gennaio 2019, il sontuoso Palazzo delle Paure a Lecco...

Mickey 90. L’Arte di un Sogno

Mickey 90. L’Arte di un Sogno

Il castello medievale di Desenzano Del Garda, dal  10 novembre a domenica...

L’Adorazione dei magi del Perugino è il capolavoro della mostra di Natale di Palazzo Marino

L’Adorazione dei magi del Perugino è il capolavoro della mostra di Natale di Palazzo Marino

Torna il tradizionale appuntamento natalizio con l’arte di Palazzo Marino. Per...

Fulvio Roiter. Fotografie 1948 – 2007

Fulvio Roiter. Fotografie 1948 – 2007

Fino al 24 febbraio 2019 potete ammirare nella Loggia degli Abati di Palazzo...

Weekend milanese tra il Rinascimento e Alda Merini

Weekend milanese tra il Rinascimento e Alda Merini

Il weekend di San Martino a Milano proporrà una serie di appuntamenti che...

Così è (Forse) al Teatro Litta. Due parole col regista

Così è (Forse) al Teatro Litta. Due parole col regista

 È in scena fino all' 11 novembre al Teatro Litta, la nuova produzione...

Prodotti gastronomici lombardi da tutelare

Prodotti gastronomici lombardi da tutelare

La nostra terra lombarda è ricca di prodotti di prima qualità e apprezzati...

Terra di speranza, cibo per la vita. La Cina e Expo 2015

La terra nutre l’umanità sin dalle origini, la speranza porta con se la prospettiva di un futuro in cui il cibo consenta la vita di tutti. Sono questi i concetti alla base del tema scelto dalla Cina per Expo Milano 2015.

padiglione-cina-expo-2015-milanoTerra di speranza, cibo per la vita verte su precisi punti focali: alimentazione, agricoltura, ambiente e sviluppo sostenibile, per illustrare le tradizioni culturali e i progressi ottenuti grazie all’uso razionale delle risorse a disposizione al fine di produrre e garantire cibo a sufficienza per tutti che sia allo stesso tempo buono e salutare.

L’evento espositivo è anche occasione dei festeggiamenti del 45esimo anniversario dell'avvio delle relazioni diplomatiche Cina-Italia che cadrà proprio nel 2015, i due Paesi hanno l’intenzione di sfruttare Expo Milano 2015 nell’ottica di una grande opportunità, uno strumento di implementazione per una cooperazione bilaterale.

Tra l’altro la Cina si è rivelata uno dei partner principali dell’Esposizione Universale di Milano ponendosi l’obiettivo di offrire ai visitatori un’esperienza di edutainment ricca di contenuti che riesca a catturare l’interesse e suscitare la curiosità di tutti. Un’occasione che ci permetterà di conoscere la storia, le tradizioni millenarie e le innovazioni di un grande Paese che si propone di dare un contributo strategico alla sfida comune di uno sviluppo sostenibile per il futuro.

padiglione-cina-expo-2015-milano-bigliettoL’esposizione, prevista su un’area di ben 4.590 metri quadri, posizionata a metà Decumano, è suddivisa ideologicamente in sezioni, considerando che è la prima volta in cui la Cina partecipa a un’Esposizione Universale con un Padiglione self-built, secondo per grandezza solo a quello della Germania. Le diverse aree espositive si chiamano “Cielo”, “Terra”, “Uomo” e “Armonia”. La sezione Cibo per la vita mette in mostra il percorso produttivo del cibo, del tofu e di altri piatti tipici, le Otto famose scuole di cucina cinese e la cultura del tè. Quella intitolata Tecnologia e futuro si propone di documentare quali siano i progressi scientifici, come ad esempio il riso ibrido del professor Yuan Longping, l’uso di Internet, il riciclo in agricoltura e le tecniche per la tracciabilità. Infine la sezione Il dono della natura va a illustrare il processo del raccolto secondo il calendario cinese lunisolare e i cinque colori del suolo.

Il progetto è frutto delle idee del consorzio formato dalla Tsinghua University e dal Beijing Qingshang Environmental & Architectural Design Institute. Il design del Padiglione cinese è pensato per riprodurre le forme e le strutture architettoniche tradizionali in continuità  con le più moderne idee di Design. Qui le forme dello skyline urbano si andranno a fondere con quelle del paesaggio naturale, collocando all’interno dei diversi spazi, pieni e elementi architettonici prodotti, riso, grano.

Da non dimenticare è che è previsto all’interno del Padiglione un programma ricco di eventi giornalieri, province e municipalità organizzeranno le settimane della cultura, si avrà accesso a diversi materiali promozionali della Beijing International Horticultural Exposition del 2019 e vi sarà un programma di scambio con 20 delegazioni di alto livello appartenenti a diverse regioni della Cina.

Dafne

Pin It

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.